FOTOGRAFIA INDIANA

Vivan Sundaram con la sua arte indaga la storia e la memoria

Pioniere dell’avanguardia indiana narra l’intreccio tra storia sociale e familiare. Conosciuto a New York e area tedesca

di Maria Adelaide Marchesoni


default onloading pic
Vivan Sundaram, Terraoptics #236, 2016! 23 x 16 inches! Archival Pigment Print. Printed on Hahnemuhle Fine Art Baryta paper 1/7. Courtesy © Vivan Sundaram and sepiaEYE $4,000

2' di lettura

L'anno scorso all'Haus der Kunst di Monaco di Baviera (Germania) è stata presentata un'importante retrospettiva dell'artista indiano Vivan Sundaram «Disjunctures» curata da Deepak Ananth. Tra i lavori dell'artista, pioniere delle installazioni e dell'arte d'avanguardia in India, una serie realizzata dal 1993 al 2014, una risposta ai disordini del 1992-93, che causarono la morte di 900 persone a Mumbai. Il parallelo europeo a questo evento è stato per l'artista la Kristallnacht del 1938, quando i luoghi di culto ebraici furono bruciati dai nazisti. L'opera «Memorial» (1993, 2001-2014), giustappone l'architettura indiana trionfalista con l'immagine di un musulmano solitario che ha perso la vita nei disordini. Un'altra opera importante dell'artista esposta sempre a Monaco è «409 Ramkinkars». Per realizzarla Sundaram è stato aiutato da cinque studenti del College of Art di Nuova Delhi che hanno realizzato 409 sculture in terracotta ispirate allo scultore indiano Ramkinkar Baij.

Carriera e pratica artistica. Vivan Sundaram nipote dell'artista indiana Amrita Sher-Gil (1913-1941), nasce a Shimla nel 1943 e cresce in un ambiente familiare profondamente intriso di suggestioni artistiche e letterarie. Uno dei più prolifici artisti indiani, il suo lavoro fa riferimento alla percezione, alla memoria, alla storia e alla loro intersezione con i problemi sociali e la cultura popolare.

Vivan Sundaram, con la sua arte indaga la storia e la memoria

Vivan Sundaram, con la sua arte indaga la storia e la memoria

Photogallery6 foto

Visualizza

L'attivismo con cui aderisce ai movimenti studenteschi caratterizza anche molta parte del suo lavoro, sviluppato con media differenti, dalla pittura all'installazione, dalla scultura alla fotografia. Il progetto «Re-take of Amrita», 2001 porta l'artista a relazionarsi con la sua storia personale familiare. Composto da una serie di fotomontaggi digitali, il lavoro è il risultato di un progetto “collettivo” idealmente realizzato con Umrao Singh Sher-Gil (1870-1954), nonno dell'autore e fotografo amatoriale, che negli anni documentò la sua famiglia con una corposa serie di ritratti.
Molti dei recenti progetti di collaborazione dell'artista, sebbene molto diversi nell'estetica, prevedono l'uso di fotografie, oggetti trovati, video e costrutti tridimensionali. In queste collaborazioni, Sundaram assume il ruolo di direttore e curatore.

Quotazioni
I prezzi delle opere da sepiaEYE a New York i prezzi vanno da 4.000 a 15.000 $. È nella collezione Fondazione Fotografia Modena.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...