ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di più Borsa di Parigi

Vivendi protagonista, “disco verde” degli analisti sul futuro di Universal

Commenti favorevoli in seguito al Capital Markets Day della controllata statunitense che ha in catalogo star come Lady Gaga e Justin Bieber

di Giuliana Licini

(REUTERS)

3' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Vivendi brilla con il maggior rialzo tra le blue-chips francesi sulla scia dei commenti favorevoli degli analisti in seguito al Capital Markets Day della controllata statunitense Universal Music Group e dopo che un gestore ha avanzato l’ipotesi di un possibile acquisto delle minoranze da parte della controllante Bolloré, post-scissione di Umg. Incontrando la comunità finanziaria il 25 agosto, in vista dell’Ipo del 21 settembre, i dirigenti di Umg - una delle principali case discografiche del mondo con un catalogo artisti quali Lady Gaga, Justin Bieber, Ariana Grande, Taylor Swift e il gruppo Bts - hanno indicato di attendersi un’accelerazione del fatturato quest’anno grazie alla crescita dell’ascolto di musica sulle piattaforme di streaming e hanno precisato le intenzioni sulla politica di distribuzione del dividendo dopo l'introduzione alla Borsa di Amsterdam.

Vivendi punta a distribuire ai soci il 60% di Umg

Come è noto, Vivendi punta a distribuire ai suoi azionisti il 60% del capitale di Umg che è attualmente la sua controllata più redditizia e il principale motore di crescita del gruppo, sulla base di un valore che si situa a circa 33 miliardi di euro. Il gruppo ha già ceduto il 20% di Umg al gigante cinese Tencent e ha raggiunto un accordo per la vendita fino al 10% del capitale al finanziere Usa Bill Ackman.

Loading...

Durante l'Investor Day, i dirigenti di Umg hanno detto di prevedere un aumento dei ricavi annuali del 10% a cambi costanti, una crescita dell’Ebitda di oltre il 20% quest’anno e puntano a versare a medio termine un dividendo pari al 50% dell’utile netto di Umg. «Ci troviamo all’inizio di un nuovo ciclo, di una nuova ondata di crescita», ha sottolineato il presidente e ceo di Umg, Lucian Grainge.

Coro di opinioni favorevoli tra analisti su prospettive Umg

Tra gli analisti è un coro di opinioni favorevoli. Jp Morgan si dice positivo sull’evoluzione del titolo che raccomanda di acquistare, indicando un obiettivo di prezzo di 45 euro dai precedenti 44. Anche il Credit Suisse ritiene che il titolo rappresenti un’opportunità di acquisto, con un obiettivo invariato a 33,60 euro. Barclays passa da un’opinione neutra a "buy", alzando la prospettiva per la quotazione a 35,50 euro da 31. Oddo Bhf mantiene il giudizio "overperform", rilevando peraltro che ieri Umg ha dato molte precisazioni sui diversi settori, con molti piccoli dettagli, «ma senza grandi novità».

Gli analisti del gestore parigino si interrogano sulle strategie di Vivendi dopo la scissione di Umg e avanzano per altro l’ipotesi che il gruppo Bolloré, cui fa capo il controllo di Vivendi, potrebbe acquistare le quote di minoranza della media company. La strategia dopo lo spin-off potrebbe orientarsi verso acquisti di azioni proprie «e possibilmente l’acquisto di tutte o di una parte delle quote di minoranza da parte di Bolloré», scrivono gli analisti di Oddo.

Bolloré ha rafforzato la sua presenza in Vivendi

Durante la prima metà dell’anno, il gruppo Bolloré ha rafforzato la sua presenza in Vivendi, anche per effetto della cancellazione di titoli provenienti da buy back. Come ha indicato il comunicato della semestrale, il 30 luglio scorso, la Compagnie de l’Odet, la holding di testa della galassia Bolloré, ha acquistato nel semestre 6 milioni di azioni Vivendi per un importo complessivo di 170 milioni di euro, detenendo a quella data lo 0,54% del capitale. Assieme alla partecipazione detenuta da un’altra holding, la Compagnie de Cornouaille, il gruppo Bolloré alla fine di luglio controllava il 29,5% del capitale di Vivendi. A un soffio della soglia di Opa.


Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti