Dall’armadio alla cucina, una guida per ridurre l’uso della plastica

4/6Letteratura

Vivere senza plastica/Bagno

(© davide cerati)

La guida “Vivere senza plastica” suggerisce una serie di comportamenti che potrebbero aiutare a inquinare meno. Il primo consiglio è quello di comprare solo prodotti disponibili in formati ricarica, riutilizzando sempre lo stesso contenitore. C'è anche la possibilità di acquistare i detersivi alla spina. Un'altra soluzione attuabile è quella di scegliere saponi e shampoo solidi: “Rinunciare ai prodotti liquidi potrebbe diventare il modo più semplice per eliminare la plastica dal vostro bagno. Anche i deodoranti solidi o in crema sono sempre più diffusi”, scrive Will McCallum. C'è, poi, un'altra questione: “A essere problematico – scrive l'attivista di Greenpeace – non è soltanto l'involucro dei vostri prodotti da bagno, ma anche quello che contengono”. Il riferimento è alle microsfere, diffuse in dentifrici, creme solari, esfolianti, cosmetici, saponi e altri prodotti. Si tratta di microscopiche palline inquinanti che finiscono nel lavandino e, poi, nell'ambiente. Per ridurne l'uso, scegliere prodotti che non contengano polietilene, polipropilene, polietilene tereftalato, polimetilmetacrilato, politetrafluoroetilene e nylon.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti