DAL TIRRENO A MILANO

Vivoacasa, ogni giorno un piatto di pesce fresco sulla vostra tavola in abbonamento

Con una sottoscrizione settimanale o mensile si possono ricevere a casa 7 giorni su 7 piatti di pesce fresco a Milano, Firenze e Parma a un prezzo calmierato che salva il lavoro di tutta la filiera (dalla flotta dei pescatori ai camerieri che ora fanno le consegne a domicilio)

di Luisanna Benfatto

default onloading pic

Con una sottoscrizione settimanale o mensile si possono ricevere a casa 7 giorni su 7 piatti di pesce fresco a Milano, Firenze e Parma a un prezzo calmierato che salva il lavoro di tutta la filiera (dalla flotta dei pescatori ai camerieri che ora fanno le consegne a domicilio)


2' di lettura

Il Coronavirus ha cambiato profondamente le abitudini alimentari delle famiglie italiane. La difficoltà di fare la spesa tutti i giorni ha spinto i consumatori all’acquisto di prodotti a lunga scadenza. Nell'analisi sulle vendite Coop nel periodo di quarantena compreso tra il 24 febbraio-1 marzo e tra il 2-8 marzo carne in scatola +60% e farina +80% , legumi in scatola +55%, seguiti dalla pasta +51% e riso +39%. I prodotti freschi sono quelli che soffrono di più come l’ortofrutta, il latte, il pesce.

Proprio per salvaguardare il lavoro della flotta di pescherecci a Capalbio, una cinquantina di persone, che ogni giorno escono in mare, e i ristoratori, il gruppo Vivo ha fatto partire il 17 marzo una nuova iniziativa. Si chiama “Vivo per te” ed è attiva a Milano, Firenze e Parma. Si tratta di abbonamenti settimanali o mensili a piatti sempre diversi che si possono oridinare online o telefonicamente. In questo modo i pescatori hanno una distribuzione per la materia prima fresca e il personale dei tre ristoranti Vivo viene impiegato per la preparazione e la distribuzione di piatti cotti e pronti al consumo, consegnati ogni giorno.

“Così il lavoro di circa 200 persone, dai pescatori ai cuochi fino ai camerieri che effettuano la consegna a domicilio con mezzi propri o del ristorante, viene mantenuto e l'utilizzo del pescato non va sprecato come sta accadendo nelle ultime settimane. Il personale di sala è formato per trattare gli alimenti nel massimo rispetto delle regole e viene a casa del cliente con un piatto trattato secondo tutti gli standard di sicurezza e igiene. La formula dell’abbonamento è stata scelta per la pianificazione dei piatti e per utilizzare al meglio le forze in campo ” spiegano dall’azienda.

Il servizio è assicurato 7 giorni su 7 e l’utente può scegliere tra tre delle tipologie di abbonamento proposte che hanno un costo “calmierato”: la formula basic 100 euro al mese per 30 giorni o 40 euro per una settimana per un piatto di spaghetti alle vongole (3 euro al giorno circa per un mese); oppure “ premium” con cui si possono scegliere due piatti al giorno, in un'unica consegna, al costo di 150 euro al mese o 60 euro alla settimana; o gourmet che offre in un'unica consegna un piatto al giorno tra i cinque del menù giornaliero e in aggiunta una specialità di pesce crudo al costo di 200 euro al mese o 80 euro alla settimana.

Il progetto Vivo è nato nel 2013 con lo scopo di valorizzare il pesce del Tirreno grazie a un'intera filiera composta da pescatori, esperti che confezionano e smistano il pesce appena pescato, autisti che consegnano il prodotto ai tre ristoranti di Milano, Parma e Firenze (ora chiusi) e cuochi che lo cucinano. Ora cambia pelle, come tante attività della ristorazione per sopravvivere, pronto a ricominciare quando l’emergenza sarà passata.

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...