ALL’ESAME DI AGCOM

Vodafone-Iliad, troppe richieste di passaggio: scoppia la guerra delle sim

di Andrea Biondi


Vodafone-Iliad, troppe richieste di passaggio: scoppia la guerra delle sim

2' di lettura

Nell’estate dello sbarco del quarto operatore mobile in Italia un “ingorgo” modello esodo estivo sembra esserci stato anche nel settore delle tlc. Risultato: troppe richieste di passaggio da Vodafone a Iliad rimaste «appese» e querelle sulla «portabilità» fra i due operatori che finisce sui tavoli dell’Agcom. L’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni oggi, nel corso di un incontro, punterà a mettere tutti d’accordo per trovare una soluzione a un problema lamentato da migliaia di clienti. Nessuno commenta, ma le cifre che circolano indicano momenti in cui l’arretrato avrebbe toccato le 100mila sim.

Tutto nasce dalla segnalazione di Iliad che il 16 agosto ha scritto a Vodafone e Agcom lamentando una situazione di arretrato (backlog) su migliaia di clienti. Cosa è successo? Vodafone ha una soglia di evasione di richieste di uscita di 33mila al giorno. La soglia ce l’hanno tutti gli operatori. Per Tim è di 36mila al giorno, Wind Tre di 30mila al giorno e Iliad di 3.500. Tutto commisurato alla base clienti, ma anche alle necessità del caso visto che esiste una delibera Agcom (147/11/CIR) – alla quale si è appellata in questo caso Iliad – che all’articolo 8, comma 5, stabilisce che «ogni singolo operatore adegua la propria capacità giornaliera anche in funzione delle richieste di mercato».

Da settembre la soglia Vodafone salirà di 3mila. Sufficiente? Forse no, è il timore che serpeggia nell’ambiente. Da qui la ricerca di un accordo per «adottare misure straordinarie per lo smaltimento di tali arretrati» come da articolo 9, comma 3 della stessa delibera. Anche perché secondo indiscrezioni anche i passaggi da Vodafone verso Wind Tre sarebbero al momento rallentati per questo “ingorgo” a seguito del quale, alla fine, una (buona) parte di disagio la subisce, oltre al cliente che vorrebbe cambiare operatore e si trova impossibilitato a farlo nei tempi giusti («La tempistica di elaborazione della portabilità è di 2 giorni lavorativi» si legge nel sito Iliad), anche l’operatore che “riceve” il cliente. Questo perché, ovviamente, oltre a non vedersi arrivare il cliente, per il ritardo c’è da corrispondere un indennizzo per chi ne fa domanda.

Va segnalato che contese sulla portabilità non sono inusuali fra operatori nel settore tlc, anche su rete fissa (come quella che ha visto protagonisti Vodafone nella veste di segnalante e Fastweb, con l’Autorità a intervenire con un atto di indirizzo sul tema dei ko per servizi mai richiesti e retempion). Di certo, quel che sta avvenendo rappresenta un ulteriore segnale di una Iliad entrata a gamba tesa nel settore italiano delle tlc già piegato da anni di guerra dei prezzi e che si trova alla vigilia di uno sforzo di investimento non da poco, con l’asta per il 5G le cui domande sono attese al 10 settembre. Iliad ha una “riserva” come nuovo entrante – per la quale avrà lotti di frequenze acquistabili a base d’asta – che, come segnalato dal sito del Sole 24 Ore qualche giorno fa, sta facendo storcere il naso fra gli operatori.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...