SOGNI PREZIOSI

Voglia di una nuova, grande bellezza con il Barocco romano

L'ottimismo che riparte dalle forme del '600. Quando la moda sposa l'alta gioielleria non c'è limite al gusto degli abbinamenti di forme e di colori.

di Caterina Maconi

Camicia con maniche oversize in crêpe di seta e pantaloni in seta con fasce alla caviglia e balza, LOEWE. Orecchini in oro rosa con peridoti, tormaline, ametiste, diamanti, Collezione Barocko, BULGARI Alta Gioielleria.

2' di lettura

Villa Aurelia , immersa in un ettaro e mezzo di giardini, ha Roma che scintilla ai suoi piedi, mentre tra le sue mura risplende il fulgore del barocco. Fu restaurata e ampliata dal cardinale Girolamo Farnese intorno al 1650: il prelato si dimostrò aggiornato sul gusto barocco romano di spiccato carattere decorativo di quegli anni, e lo impartì alla dimora. Nell'Ottocento fu acquistata dal conte Alessandro Savorelli e, nel 1849, Giuseppe Garibaldi la scelse come quartier generale per la difesa della Repubblica Romana contro l'esercito francese. Alla morte del conte, fu venduta al Monte di Pietà e poi rilevata nel 1885 da Mrs. Clara Jessup Heyland, ereditiera americana che la lasciò all'American Academy in Rome, tra i cui fondatori figura J.P. Morgan. Negli anni ci sono passate le grandi personalità dell'arte, da Salvador Dalì a Igor Stravinsky, e anche ora che è sede di conferenze ed eventi, ospita studiosi e creativi.

Incontrarsi a Roma

Incontrarsi a Roma

Photogallery8 foto

Visualizza

È stata il set naturale per fotografare il servizio di moda di How to Spend it con la nuova collezione di alta gioielleria di Bulgari: Barocko, un tributo alla città dove la maison è nata. Pezzi unici: la classica palette di colori vivaci e poi forme estrose e sinuose che richiamano l'illimitato patrimonio artistico e architettonico del barocco romano che le ha ispirate. Ci sono Bernini e Borromini dietro alle linee voluttuose che ricordano le variazioni imprevedibili della natura e che compongono gli arabeschi dei gioielli. Così la storica casa orafa romana – dal 2011 di proprietà del colosso del lusso Lvmh – omaggia l'artigianalità made in Italy e un'epoca d'oro per la sua città. Esaltando la forza catalizzatrice della bellezza italiana.

Loading...
Riproduzione riservata ©
Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti