metodo gokhale

Volete far passare il mal di schiena? Copiate la postura dei Bronzi di Riace

di Fabio Carducci

default onloading pic


3' di lettura

Quando vi lavate i denti curvate la schiena o vi flettete sulle anche? E nelle lunghe ore di lavoro al computer partite dritti ma poi vi insaccate nella poltrona come un adolescente che gioca a Minecraft con lo smartphone? Anche dalla risposta che date a queste domande dipende lo stato di salute della vostra schiena, o il dolore che affligge altri “pezzi” del vostro apparato muscolo-scheletrico.

In California l'hanno chiamata “sindrome della Silicon Valley” e proprio dalla culla dei colossi hi-tech si sta diffondendo in tutto il mondo uno degli ultimi antidoti: il metodo creato a Palo Alto dall'indo-californiana Ester Gokhale, battezzata dal New York Times, appunto, il guru della Silicon Valley. Guru seguita da un drappello di discepoli sempre più numeroso, tra manager e staff di Google, Oracle, Youtube e testimonial d'eccezione come Joan Baez, Matt Drudge (fondatore dell'omonimo “Report” e tablet-dipendente confesso) o professori della Stanford University.

Esther Gokhale ha consegnato il suo verbo a un libro dal titolo apparentemente simile a tanti altri best-seller, “8 passi per liberarsi dal mal di schiena”, ormai tradotto in otto lingue. Ma mentre altri “guru” prescrivono esercizi che nella vita quotidiana prontamente dimentichiamo, lei ha pensato di trasformare la vita quotidiana stessa in un esercizio. Anche quando carichiamo la lavastoviglie? Sì, e anche quando laviamo i piatti a mano… E persino quando dormiamo! Certo, bisogna essere motivati, per iscriversi ad una scuola così radicale. Ma il dolore fisico, testimoniano discepoli ormai sparsi in tutto il globo, è un'ottima motivazione.

«Stare seduti allungando la schiena, chinarsi allungando e rafforzando praticamente tutto il corpo, camminare rafforzando i glutei e allungando i muscoli della gamba e usare i muscoli del busto in modo semplice ed efficace diventa rapidamente una conoscenza acquisita», spiega nella prefazione all'edizione italiana del libro Mira Stijak, fisioterapista e posturologa che sulla base del sistema Gokhale e di altre scuole (come le ricerche della francese Noelle Perez) ha sviluppato un suo metodo, che insegna a privati e su richiesta delle aziende. Si chiama “Posturattiva”, una parola che riflette due concetti fondamentali: la nostra postura non è uno schema immutabile ma dipende anche dalla nostra consapevolezza corporea e dal nostro “allenamento”; il modo di usare e collocare il nostro corpo è una questione culturale e sociale, più che medica.

Con una evoluzione “storica” tracciabile attraverso fotografie, disegni, statue, che illustrano una tesi suggestiva: l'attuale curva fisiologica a “S” della colonna vertebrale (che spesso degenera in una “C”...) è un prodotto dell'ultimo secolo e mezzo, prima la nostra schiena assomigliava molto di più a una “J”: quella dei bronzi di Riace, per intenderci. Struttura che “impila” i dischi vertebrali meglio, risparmiando ai muscoli una parte dello sforzo.

Quest'approccio punta a recuperara la nostra “postura primordiale” ripristinando un'integrità strutturale del corpo ed eliminando o riducendo il dolore. Che le nostre vite sedentarie moltiplicano, secondo quanto certificano gli ultimi dati disponibili: con un impatto non trascurabile a livello individuale, ma anche sociale ed economico. Secondo quanto emerge dallo studio Global Pain Index, promosso da Gsk Consumer Healthcare in 32 Paesi tra cui l'Italia, il dolore muscolo-scheletrico ha avuto nel nostro Paese un impatto economico stimato pari a 7,9 miliardi di euro nell'ultimo anno, che corrisponde a circa lo 0,5% del Pil. Con una media di 3,3 giornate di lavoro (o di svago…) perse nell'ultimo anno a causa del dolore muscolo-scheletrico. A fronte di questa carneficina, si può ben mettere sul piatto il rischio che i vostri familiari vi guardino strano mentre, prima di lavarvi i denti, voi flettete le anche, ruotate le spalle e vi sorridete allo specchio.


Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti