Test Drive

Volkswagen ID.4, abbiamo provato il suv elettrico tedesco: ecco come va

Al volante del primo modello a ruote alte elettrico della casa di Wolfsburg con batteria da 77 kWh che garantisce un'autonomia di circa 520 km.

di Giulia Paganoni

4' di lettura

La famiglia elettrica ID si allarga. Dopo il debutto della compatta ID.3 è il momento del primo suv 100% alla spina, la ID.4. Proposta in quattro allestimenti (City, Life, Business e Tech) e con due versioni della batteria (52 e 77 kWh), ID.4 ha un listino che parte da circa 43mila euro. Ma vediamo come va su strada.

Design pulito ed essenziale

Esteticamente è riconoscibile per il design essenziale e robusto ma anche ben studiato per avere un coefficiente aerodinamico di 0,28, elemento di estrema importanza quando si tratta di un’auto elettrica.

Loading...

Alla base c'è il pianale modulare Meb, l'ossatura tecnica realizzata ad hoc per i veicoli elettrici dal gruppo tedesco. Le dimensioni sono contenute rispetto al grande spazio di bordo: lunga 4,58 metri, larga 1,85 e con un passo di 2,76 metri che permette ai passeggeri posteriori di avere un buono spazio per le ginocchia. La capacità del bagagliaio è di 543 litri che raggiunge i 1.575 litri abbassando i sedili posteriori.

La presenza su strada è enfatizzata dai cerchi di dimensioni fino a 21 pollici.

Interni essenziali e intuitivi

A bordo, l'atmosfera è piacevole e le numerose vetture permettono di avere un'abitacolo arioso. Inoltre, si nota la pulizia delle linee e l'essenzialità dei comandi. Tutto è studiato per essere al suo posto e raggiungibile al momento giusto.

Il conducente può contare su due schermi: il cruscotto digitale da 5,3 pollici che mostra le principali informazioni di marcia e, al centro della plancia, un display touch da 10 pollici (da 12 per le versioni top di gamma) da cui si accede all'infotainment, al clima e a tutte le informazioni per la gestione del veicolo. Questo è già predisposto con i protocolli Android Auto e Apple Car Play.

All'interno del sistema è presente una sim che permette di avere aggiornamenti over-the-air senza doversi recare in un centro autorizzato.

Inoltre, su richiesta, è possibile avere un head-up display con funzione di realtà aumentata, che fonde indicazioni virtuali e mondo reale.

Fino a 520 km di autonomia

La batteria è posizionata sotto al pianale tra i due assali e ID.4 è disponibile con due livelli di capacità: da 52 kWh e da 77 kWh. La prima viene montata sulla versione City, l'entry level, e ha una capacità che le permette di raggiungere circa 340 km di autonomia nel ciclo misto (470 nel ciclo urbano) mentre la seconda è montata sulle altre tre versioni e offre un'autonomia che raggiunge i circa 520 km a zero emissioni (668 km nel ciclo urbano), dati secondo il ciclo di omologazione Wltp.

L'elettromotore è disposto sull'asse posteriore (dove c'è anche la trazione) ed è disponibile in due potenze. Sulla versione City eroga 125 kW (170 cv), su tutti gli altri modelli 150 kW (204 cv). Con questa motorizzazione top di gamma, la ID.4 accelera da 0 a 100 km/h in 8,5 secondi, in linea generale, la velocità massima è limitata elettronicamente a 160 km/h. Al vertice della gamma, sarà presentata una versione sportiva a trazione integrale, con un motore su ciascun assale, prevista entro l'estate.

Tempi di ricarica: 30 minuti per ricaricare 320 km

Come in tutte le auto elettriche, i tempi di ricarica variano dalla fonte scelta.

Presso una stazione di ricarica veloce, la ID.4 con batteria da 77 kWh e potenza di ricarica di 125 kW può ricaricare corrente continua per un'autonomia di 320 km (conformemente al ciclo Wltp) in circa 30 minuti. Mentre con corrente alternata la potenza di ricarica arriva fino a 11 kW. Passando alla versione da 52 kWh, la potenza di ricarica con corrente continua raggiunge i 100 kW e i 7,2 kW con corrente alternata. In Europa la Volkswagen consegna la ID.4 con un bilancio neutro in termini di emissioni di CO2. Infatti, effettuando la ricarica con corrente prodotta da fonti sostenibili (per esempio la corrente verde fornita dall'accordo tra Volkswagen Italia e Plt puregreen), la vettura può avere un impatto pressoché nullo sul clima anche nella fase di utilizzo.

Com'è da guidare

Abbiamo provato ID.4 lungo un percorso misto, che comprendeva autostrada, strada di montagna e la bellissima panoramica della Gardesana.

Siamo partiti con 460 km di autonomia e all'arrivo erano 290 km, si tratta di 170 km in meno avendone percorsi circa 150 senza fare attenzione ai consumi.

Alla guida è piacevole e anche agile, grazie sia alla potenza dell'elettromotore, sia grazie alla trazione posteriore che permette di avere un raggio di sterzo ridotto.

Lo spazio all'interno dell'abitacolo è notevole e anche i comandi sono posizionati in modo ergonomico. E, da sottolineare che, nonostante il clima sia touch, è possibile attraverso il tasto a sfioramento, entrare nel menù dedicato e questo permette di non distrarsi troppo dalla guida.

Abbiamo trovato un po' troppo grandi gli specchietti retrovisori esterni che limitano la visuale sugli angoli anteriori.

Versioni e listino

Il prezzo di listino parte da circa 43 mila euro per la versione City e raggiunge i circa 57mila euro per la Tech, il top di gamma.

Oltre le quattro versioni preconfigurate, sono ancora disponibili alcune unità della 1st Edition e della 1st Edition Max, quest'ultima, a livello di equipaggiamento, può essere paragonata alla versione Tech. Il listino per queste versioni parte da circa 49mila euro.

Ricordiamo inoltre che ID.4 rientra tra i veicoli che beneficiano degli ecobonus statali.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti