Mercato e Industria

Volkswagen MEB, che cosa è la piattaforma per le auto elettriche pronta per Ford

di Simonluca Pini


default onloading pic

2' di lettura

L'accordo tra Volkswagen e Ford porterà nuove collaborazioni, a partire dalla guida autonoma fino ai veicoli commerciali. Uno dei punti più interessanti dell'intesa è la condivisione da parte del gruppo di Wolfsburg della piattaforma modulare Meb (Modularer Elektrobaukasten in inglese Modular Electric Toolkit) con l'azienda americana dell'Ovale Blu. Grazie a questa alleanza Ford avrà a disposizione il punto di partenza per realizzare una gamma di novità a zero emissioni.

L'importanza della modularità
Il successo del gruppo Volkswagen parte da quello che non si vede, ovvero dalle piattaforme. Anticipando la concorrenza, Vw nel 2012 aveva capito l'importanza della massima condivisione tra i modelli presentando la piattaforma Mqb (Modularer Querbaukasten). Costata oltre 50 miliardi di euro, tra progettazione e implementazione, ha dato vita ad oltre 60 modelli interessando tutti i marchi del gruppo.

Piattaforma Meb, nata per le auto elettriche
Oggi la storia si ripete con il debutto della piattaforma Meb, attesa per la prima volta sulla Volkswagen ID.3. Nata grazie ai forti investimenti stanziati dal marchio tedesco, arrivati a circa 80 miliardi di euro complessivi, sarà il punto centrale per arrivare all'obiettivo di vendere 15 milioni di veicoli elettrici entro il 2025 grazie agli 80 modelli elettrificati attesi nei prossimi 11 anni. Come già dichiarato da Vw, la piattaforma Meb è stata pensata per essere utilizzata anche da altri costruttori. L'accordo con Ford conferma proprio questa politica di condivisione e in futuro non è da escludere che arriverà anche sotto altri marchi. In attesa di conferme è molto probabile che la futura Ford Fiesta elettrica avrà una piattaforma tedesca, come le versioni a zero emissioni di Focus e Kuga.

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti