Auto

Volkswagen Passat, con il restyling arriva anche la guida autonoma

di Simonluca Pini


default onloading pic

3' di lettura

Il segreto per essere la station wagon più venduta in Europa? Semplice. Offrire quello che cerca la clientela, a partire dallo spazio a bordo fino ad un lungo elenco di tecnologie per rendere il viaggio più sicuro e confortevole. Ed è quello che promette il restyling della Volkswagen Passat.

Prossima ai 30 milioni di esemplari venduti, la Volkswagen Passat in 46 anni di carriera si è evoluta fino a diventare la perfetta compagna di viaggio per chi usa l ’auto quotidianamente come uno strumento di lavoro (soprattutto nelle flotte) e il fine settimana può andare con la famiglia a sciare senza preoccuparsi del numero di valigie caricate.

Come tradizione nessuna rivoluzione sul fronte del design, con il restyling che porta in dote un frontale rinnovato partendo dai gruppi ottici Iq.Light Matrix Led disponibili in opzione. Le novità principali sono invece a bordo e sottopelle, dove spiccano il nuovo sistema di infotainment Mib3 e il pacchetto di dotazioni di assistenza alla guida racchiusi sotto l ’inedito brand Iq.Drive. Infatti in contemporanea al debutto della Passat, Vw presenta il nuovo “contenitore” dedicato alla sicurezza di marcia e alla guida autonoma. Se sull’estetica gli ingegneri tedeschi potevano aggiungere qualche dettaglio in più, sul fronte dell’aiuto durante la marcia il salto rispetto al modello precedente è esponenziale. La novità di Wolfsburg ora è capace di viaggiare in modalità semi-automatizzata fino ai 210 km/h grazie all’introduzione del Travel Assist, disponibile per la prima volta all’interno della gamma della marca tedesca.

Altra anteprima arriva dal volante capacitivo, ovvero la nuova interfaccia per attivare i sistemi di assistenza alla guida. Il pacchetto di dotazioni presenti colloca la rinnovata Passat al secondo livello (da 0 a 5) della guida autonoma secondo la tabella Sae ma soprattutto al primo posto tra le concorrenti per numero di Adas disponibili. La Passat è la prima Volkswagen ad adottare il nuovo Emergency Steering Assist. Questo sistema si attiva automaticamente appena il guidatore deve compiere una manovra di scarto per evitare un ostacolo. Questa ricerca al massimo aiuto alla guida, ricordando sempre il divieto di viaggiare senza mani sul volante, si ricollega al successo della Passat: essere la perfetta compagna di viaggio per chi usa l’auto come uno strumento di lavoro. Altro punto fondamentale arriva dai costi di esercizio, essendo uno dei modelli uno di classe media più convenienti in relazione al Cost of Ownership (CoO).

Tutte le foto della nuova Passat

Tutte le foto della nuova Passat

Photogallery20 foto

Visualizza

Se l’assistenza alla guida è la novità principale del restyling, la seconda arriva dalla connettività e dall’intrattenimento a bordo con il debutto del sistema di infotainment Mib3. Sempre connessa grazie alla Online connectivity Unit (Ocu) integrata con scheda Sim di serie, porta a bordo i servizi di streaming, la web radio, la tecnologia web app e i comandi vocali con linguaggio naturale attivabili tramite il comando «Ciao Volkswagen».

Dotata di connessione con Apple CarPlay e Android Auto, introduce il collegamento senza cavo per i dispositivi di Cupertino. Con alcuni modelli di smartphone Samsung sarà invece possibile aprire l’auto ed accenderla grazie ai nuovi servizi offerti da Volkswagen We.

La nuova piattaforma digitale, nata per raggruppare servizi di mobilità e poterli proporre e fornire in modo estremamente semplice, arriverà ad offrire servizi come We Park per il parcheggio senza contanti. Passando alle motorizzazioni tutte le unità proposte saranno omologate Euro 6D-Temp con filtro particolato anche sui benzina (1.5 e 2.0 Tsi da 150 a 272 cavalli). La gamma diesel parte dal 1.6 Tdi da 120 cavalli e dal 2.0 Tdi Evo da 150 cv e dai 2.0 190 e 240 cavalli. A seconda delle versioni cambio manuale o Dsg e trazione anteriore o integrale. Novità anche per la versione ibrida plug-in Gte da 218 cavalli complessivi, ora dall’utilizzo più semplice e migliorata sull’autonomia con 55 km con ciclo Wltp e 70 Nedc. Oltre alla versione Variant si rinnova anche la Alltrack, alternativa ai suv con 172 mm di altezza da terra e trazione 4motion di serie. Ordinabile da maggio, la Passat restyling arriverà nelle concessionarie entro l’estate con prezzi analoghi al vecchio modello.

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti