Protocollo violato

Von der Leyen senza poltrona all’incontro con Erdogan. Lo sgarbo di Ankara diventa un caso diplomatico

La presidente della Commissione europea è stata fatta accomodare su un divano distante dal presidente turco e dall’altro ospite, Charles Michel

Erdogan riceve Von der Leyen, ma per lei non c’è la sedia d’onore: è polemica

2' di lettura

Protocollo violato per scelta consapevole e sessista o gaffe? Tutto sembra pendere per la prima ipotesi: dalla fama del presidente turco Recep Tayyip Erdogan, non certo molto positiva per quanto riguarda la parità di genere (e, allargando, i diritti umani), all’importanza dell’incontro, uno di quelli dove non è assolutamente possibile “sgarrare”.
Ecco i fatti. Il 6 aprile i leader Ue sono in visita ad Ankara, al cospetto di Erdogan. Incontro ufficiale con il presidente turco; ospiti: il presidente del Consiglio Ue, Charles Michel, e la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen. Se il primo è stato fatto accomodare, come da regole protocollari, sulle poltroncine con le bandiere alle spalle, a von der Leyen è stato negato questo atto formale. La scena è ripresa in un video diventato virale e che trovate in apertura di articolo, dove si intuisce anche il disappunto di von der Leyen mentre gli altri due si accomodano sulle poltrone. Nella scena successiva si vede la presidente della Commissione Ue seduta su un divano posto alla destra degli interlocutori.

Il fatto ha percorso velocemente i mezzi di informazione e soprattutto i social, dove è stato ribattezzato “sofagate”. Una lamentela ufficiale è anche arrivata per tramite del portavoce della commissione europea Eric Mamer che, rispondendo ai giornalisti, ha detto: von der Leyen «chiaramente è rimasta sorpresa, lo si vede nel video, ma ha preferito dare priorità alle questioni di sostanza rispetto al protocollo». Ma non finisce qui: lo stesso Mamer ha anche aggiunto infatti che la Commissione «si aspetta di essere trattata secondo il protocollo adeguato» e che «saranno presi contatti con tutte le parti coinvolte perché [il fatto] non si ripeta in futuro». (f.s.)

Loading...
Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti