«sì» definitivo al Senato

Voto di scambio: con le nuove regole fino a 22 anni e mezzo di carcere per i politici eletti

di Nicoletta Cottone


Mafia e politica, operazione carabinieri a Trapani: 25 arresti

2' di lettura

È legge la modifica al codice penale sul voto di scambio politico mafioso. L'articolo unico - che ha avuto il via libera definitivo del Senato il 14 maggio con 157 sì, 81 no e 2 astenuti (hanno votato contro Pd e Fi) - punisce con la reclusione da 10 a 15 anni (stessa pena prevista per l'associazione mafiosa dall'articolo 416-bis, primo comma, del codice penale) l’accettazione, diretta o a mezzo di intermediari, della promessa del sostegno elettorale in cambio della erogazione di denaro, di qualunque altra utilità o della disponibilità a soddisfare gli interessi o le esigenze dell'associazione criminale. I voti devono essere procurati: da soggetti appartenenti ad associazioni mafiose oppure mediante modalità mafiose.

Se la promessa proviene da mafiosi
Rispetto alla normativa applicata finora il provvedimento - primo firmatario Michele Giarrusso del M5s - estende la punibilità anche ai casi in cui la condotta incriminata sia stata realizzata mediante il ricorso ad intermediari. La legge estende la condotta penalmente rilevante aggiungendo alla promessa di procurare voti con le modalità mafiose, la promessa che provenga da «soggetti appartenenti alle associazioni» mafiose.

GUARDA IL VIDEO - Mafia e politica, operazione carabinieri a Trapani: 25 arresti

Reclusione da 10 a 15 anni
Viene ampliato l'oggetto della controprestazione di chi ottiene la promessa di voti, contemplando non solo il denaro e ogni altra utilità, ma anche «la disponibilità a soddisfare gli interessi o le esigenze della associazione mafiosa». Viene inasprita la pena che passa dalla reclusione da 6 a 12 anni alla reclusione da 10 a 15 anni. Stessa sanzione per chi promette - direttamente o a mezzo di intermediari di procacciare i suffragi.

L’aggravante se il politico viene eletto
È prevista un'aggravante: se chi ha concluso l'accordo con il mafioso viene eletto, la pena prevista per lo scambio elettorale politico mafioso è aumentata della metà. L’applicazione dell'aggravante potrebbe così comportare pene più elevate nei confronti del patto elettorale politico-mafioso rispetto sia al concorso esterno, sia alla partecipazione associativa e alla direzione associativa (punita con la reclusione da 12 a 18 anni). Ai quindici anni di carcere previsti dalla normativa vigente si aggiungono dunque “aggravanti speciali” per i politici che vengono eletti grazie allo scambio che rischiano fino a 22 anni e mezzo di carcere.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...