stretta anti-immigrazione

Vuoi il welfare? In Austria devi superare un esame di tedesco

di Michele Pignatelli

Austria, al governo conservatori e populisti

2' di lettura

Stretta sul Welfare del governo nero-blu austriaco, animato da esigenze di bilancio ma forse ancor più dalla crociata anti-immigrazione, vero collante dell’alleanza tra i Popolari di Sebastian Kurz e l’estrema destra dell’Fpö.

Ad annunciare la riforma del cosiddetto Mindestsicherung, che vincola il reddito minimo garantito alla conoscenza del tedesco, è stato proprio il cancelliere Kurz. Oggi vengono assicurati 863 euro a tutti gli austriaci, ai cittadini Ue e ai rifugiati in situazioni di povertà riconosciuta, d’ora in poi - se la proposta governativa andrà in porto -ai rifugiati (e agli stranieri in genere) saranno versati solo 563 euro, a meno che non superino un test di tedesco. Gli stranieri che non abbiano lo status riconosciuto di rifugiati dovranno comunque aspettare cinque anni per l’assegno pieno.

Loading...

«I costi per lo Stato stavano esplodendo», ha spiegato il leader dell’Fpö, Heinz-Christian Strache. Ma la norma - con tutta probabilità pensata come deterrente contro l’immigrazione, in un Paese che durante la crisi del 2015 ebbe una delle quote più consistenti di richiedenti asilo - rischia di mettere Vienna in rotta di collisione con l’Unione europea. Appare infatti discriminatoria nei confronti dei cittadini Ue, in particolare in contrasto con la libertà di stabilimento dei cittadini di uno Stato comunitario in un altro Stato membro. «La libertà di stabilimento - ha ribattuto Kurz - è la facoltà di lavorare in tutta Europa, non la libertà di cercare il miglior sistema di benefit sociali». E ha definito «spaventoso» il fatto che la maggior parte dei sussidi minimi siano concessi a Vienna, quasi per metà a cittadini stranieri.

Prima che all’Europa, la parola passa in realtà alla Corte costituzionale austriaca, che in marzo aveva già respinto una prima versione della riforma che prevedeva per tutti gli stranieri, rifugiati compresi, il requisito della residenza per almeno cinque degli ultimi sei anni. I rifugiati - aveva obiettato la Corte - devono essere trattati meglio degli altri stranieri, non avendo la possibilità di tornare in patria.

L’immigrazione non domina solo l’agenda austriaca. È già centrale (anche qui insieme al Welfare) nella campagna elettorale della Svezia, dove si voterà a settembre: in un’intervista al Financial Times, Urk Kristersson, leader dei moderati oggi all’opposizione e possibile prossimo premier, ha definito necessaria una riduzione dei sussidi concessi dal Welfare scandinavo, per incoraggiare l’ingresso degli immigrati nel mercato del lavoro. E sarà sempre più centrale nel dibattito dell’Unione europea, la cui presidenza semestrale sarà assunta a luglio proprio dall’Austria.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti