Tes drive

Vw ID.4, il suv zero emissioni supera la prova lunghi viaggi

di Giulia Paganoni

La ID.4 è, per ora, disponibile con due livelli di batteria, da 52 e 77 kWh. La prima è garantisce un’autonomia di circa 340 km (ciclo Wltp) ed è predisposta per una ricarica con corrente alternata da 7,2 kW o con corrente continua fino a 100 kW mentre alla più grande è attribuita una percorrenza di 520 km

Volkswagen ID.4: al volante del primo suv elettrico per il popolo

4' di lettura

La famiglia elettrica Vokswagen «ID.» si è allargata con l’arrivo di ID.4, il suv 100% alla spina della casa di Wolfsburg. Un modello a ruote alte compatto che, come la ID.3, si basa sul pianale modulare Meb che il gruppo tedesco ha sviluppato appositamente per i modelli a batteria. Sarà un tassello fondamentale per la strategia di e-mobility del marchio in quanto ID.4 verrà costruita e venduta in Europa, Cina (dove arriverà anche la sette posti ID.6) e, in un secondo momento, anche negli Stati Uniti.

Nell’ambito della nuova strategia battezzata Accelerate e presentata recentemente, la casa investirà entro il 2025 complessivamente sedici miliardi di euro nella mobilità elettrica. Entro il 2030, le vendite della Volkswagen in Europa saranno composte per almeno il 70% di auto elettriche, mentre in Cina e Stati Uniti d’America la quota sarà superiore alla metà. Ricordiamo anche che, entro la fine dell’anno è atteso il suv coupé ID.5.

Loading...

Il nuovo modello ID.4 vanta dimensioni compatte ma al tempo stesso ha un’abitabilità da segmento superiore: lunga 4,58 metri, larga 1,85 metri e con un passo di 2,76 metri. La capacità del bagagliaio è di 543 litri e raggiunge i 1.575 litri abbassando gli schienali del divanetto posteriore.

Esteticamente il family feeling con la media compatta ID.3 è molto evidente, linee essenziali e pulite per ridurre al massimo la resistenza aerodinamica e migliorare le performance del powetrain elettrico (il coefficiente aerodinamico è di 0,28). La presenza su strada è enfatizzata dai cerchi da 19 pollici (in opzione ci sono anche quelli da ben 21 pollici).

Al momento sono quattro le versioni disponibili e si differenziano per l’equipaggiamento che offrono oltre che il sistema elettromotore-batteria più piccolo per l’entry level.

A bordo viene esaltata la spaziosità e l’ariosità dell’abitacolo grazie alle superfici vetrate (soprattutto nelle versioni con tetto panoramico) e l’ampio spazio per i passeggeri. Infatti, grazie al lungo interasse e al posizionamento delle batterie sotto al pianale (ciò consente di avere un baricentro basso e una buona distribuzione del peso tra i due assi), i passeggeri posteriori godono di ampio spazio per le ginocchia e non ci sono fastidiosi scalini per il passeggero centrale regalando quindi più agio per le gambe.

Nella parte anteriore, il conducente può contare su due schermi, il cruscotto digitale da 5,3 pollici, piccolo ma con tutte le informazioni essenziali e, al centro della plancia, un touchscreen da 10 pollici (12 pollici per le versioni più accessoriate) da cui poter accedere alla gestione del veicolo nonché all’infotainment di bordo.

Durante la prova su strada abbiamo trovato che l’auto è comoda e piacevole da guidare e, nonostante le dimensioni, si guida davvero agevolmente (anche sui tornati di strade di montagna) grazie, tra le altre cose, al motore posizionato al posteriore che ha permesso di avere più agio per il raggio di sterzata delle ruote anteriori.

La ID.4 è, per ora, disponibile con due livelli di batteria, da 52 e 77 kWh. La prima è montata sulla versione City, l’entry level, e garantisce un’autonomia di circa 340 km (ciclo Wltp) ed è predisposta per una ricarica con corrente alternata da 7,2 kW o con corrente continua fino a 100 kW mentre con la più grande vengono equipaggiate le restanti versioni disponibili (Life, Business e Tech) ed è attribuita una percorrenza di 520 km nel misto (ciclo Wltp). Per la ricarica di quest’ultima, è disponibile un caricato con corrente alternata da 11 kW o con corrente continua fino a 125 kW.

L’elettromotore è montato sull’asse posteriore (dove c’è anche la trazione) ed è disponibile in due livelli di potenza: da 125 kW (170 cv) o 150 kW (204 cv). La prima è abbinata solo alla batteria da 52 kWh.

Per la ricarica, sono disponibili diverse possibilità: dalla prese domestica alla wallbox (optional che nella versione base ha un prezzo di circa 500 euro) fino alle colonnine di ricarica, tra cui quelle dell’ecosistema We Charge (al momento conta circa 11.520 stazioni ma entro il 2025, il gruppo e i suoi partner commerciali mirano a installare circa 35mila punti di ricarica in Europa, molti dei quali saranno pubblicamente accessibili) dal quale è possibile accedere attraverso l’app We Connect ID.

Il prezzo di listino di ID.4 parte da circa 43mila euro e raggiunge i circa 51mila euro per la versione top di gamma. I prezzi sono da intendersi al netto degli ecobonus statali ai quali tutte le versioni possono accedere. In arrivo anche una versione a trazione integrale.

VOLKSWAGEN ID.4 1ST EDITION / TECH

Autonomia: 520 km (Wltp)
Batteria (capacità): 77 kWh effettivi (82 lordi)
Potenza massima: 204 cv (150 kW)
Coppia max: 310 Nm
Trazione: posteriore
Ricarica (Potenza max): 11 kW AC / 125 kW DC
Trazione:
posteriore
Accel. 0-100 km/h:
8.5 secondi
Velocità max:
160 km/h
Lunghezza:
4,58 metri
Larghezza:
1,85 metri
Passo:
2,77 metri
Massa:
2.020 kg
Bagagliaio:
da 543 a 1.575 litri
Prezzo:
da circa 43mila euro

PRO E CONTRO

Pro

Agilità - Buon raggio di sterzata: la vettura è maneggevole
Spazio
-
Grande abitabilità di bordo per passeggeri e bagagli
Potenza -
Ottimo e divertente lo spunto del motore elettrico

Contro

Specchi retrovisori - Ampi e coprono la visuale
Tutto touch -
I comandi sono touch ma per il clima è più pratico un comando fisico-analogico
Finiture
-
Alcuni dettagli migliorabili

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti