ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùAuto

Vw, il sindacato accusa il ceo Diess: incompetenza sulla crisi dei chip

Confronto davanti ai dipendenti nella fabbrica di Wolfsburg. L’amministratore delegato, sottoposto al giudizio di un comitato di mediazione per avere proposto 30mila licenziamenti, ha detto di temere l’efficienza del nuovo sito produttivo della rivale Tesla

di Alberto Annicchiarico

Il ceo di Vw, Herber Diess e Daniela Cavallo, presidente del consiglio di fabbrica

4' di lettura

Scontro al calor bianco tra il capo del sindacato Daniela Cavallo e il ceo Diess durante un incontro con i dipendenti Volkswagen nello stabilimento di Wolfsburg. Il futuro di Diess, il cui incarico rinnovato in estate scadrebbe nel 2025, è, come è trapelato ieri e scritto dalla stampa tedesca, nelle mani di un comitato di mediazione proprio perché si confrontano due visioni molto diverse. Il capoazienda preme per un aumento della produttività e per un taglio dei costi che potrebbe costare 30mila posti di lavoro.

Nel confronto, Diess, 63 anni appena compiuti, ha fatto capire che il pericolo viene da Tesla e dalla sua nuova fabbrica alle porte di Berlino, che nonostante gli ostacoli burocratici e l’opposizione delle comunità locali e degli ambientalisti (è in corso un referendum) dovrebbe aprire dopo diversi rinvii all’inizio del 2022. La casa americana sta migliorando rapidamente la qualità costruttiva e sembra destinata a raggiungere un tempo di produzione di appena 10 ore per auto proprio nel sito di Gruenheide, ha detto Diess. La principale fabbrica di auto elettriche del gruppo tedesco a Zwickau impiega di più di 30 ore per veicolo, che dovrebbero essere ridotte a 20 ore l’anno prossimo.

Loading...

«Sì, sono preoccupato per Wolfsburg», ha detto Diess ai lavoratori durante il primo raduno dei dipendenti nel più grande sito di produzione di automobili del mondo dalla pandemia di Covid-19. «Voglio che i vostri figli e nipoti possano ancora avere un lavoro sicuro qui da noi a Wolfsburg. Questo è il mio punto oggi, ecco perché sono qui». Ma ha anche aggiunto: «I posti di lavoro diminuiranno sicuramente entro i prossimi 10-15 anni, soprattutto nell’amministrazione a livello di gruppo, ma anche nella produzione e nello sviluppo». Che ne possano essere creati di nuovi e con mansioni diverse, sarà da vedere.

Diess ha annullato un viaggio negli Stati Uniti, dove avrebbe dovuto incontrare investitori e visitare aziende tecnologiche sulla costa occidentale, proprio per occuparsi delle crescenti tensioni con i potenti leader sindacali, a cominciare dalla nuova leader del consiglio di fabbrica, Daniela Cavallo, 46 anni, origini calabresi, prima donna a ricoprire questo ruolo in Vw, che lo ha duramente criticato, sostenendo che «esistono già degli accordi di salvaguardia fino al 2029 e che misure aggiuntive non saranno oggetto di trattativa». Cavallo ha anche rimproverato a Diess di non affrontare le sfide del gruppo con lo stesso entusiasmo con cui si tiene in contatto con il numero uno di Tesla, Elon Musk. «Solo chi capisce e tiene d’occhio la concorrenza può vincere», ha replicato Diess. Per Cavallo «una provocazione» che «mostra che il dottor Diess continua a non avere alcun interesse per una cooperazione costruttiva».

La leader del consiglio di fabbrica ha quindi invitato il capo del gruppo automobilistico a limitare la sua attività sui social media e a dedicare più attenzione alla risoluzione della persistente carenza di chip che ha colpito il secondo produttore mondiale di automobili, più duramente di quanto abbia fatto con Tesla (che ha addirittura stabilito nuovi record di produzione e con 600mila auto dopo nove mesi ha già superato il record del 2020 a 499mila) o Bmw, reduce da un trimestre molto brillante con profitti in crescita e margini nettamente migliori di Vw. «Ci fornisce spesso belle foto dei suoi viaggi, ma sfortunatamente non ancora i semiconduttori. Volkswagen sta dando una patetica dimostrazione di incompetenza perché altri produttori fanno molto meglio», ha sferzato la sindacalista augurandosi che il management stia prendendo contromisure anche per la nuova carenza che minaccia l’automotive, quella di magnesio.

La mancanza di chip, che persisterà per tutto il 2022 con una riduzione del gap tra domanda e offerta forse nel quarto trimestre, ha costretto Vw a ridurre la produzione nella fabbrica di Wolfsburg al livello più basso dalla fine degli anni ’50, quando il sito era grande la metà. In un accordo firmato cinque anni fa, Volkswagen prevedeva di produrre almeno 820.000 auto nel 2020 a Wolfsburg, ma in realtà ne ha prodotte meno di 500.000, secondo Cavallo.

E nonostante l’aumento della domanda sulla scia della pandemia, la fabbrica di Wolfsburg potrebbe produrre solo 400.000 auto quest’anno a causa della carenza e della gestione dei chip, ha attaccato ancora Cavallo. Per garantire un utilizzo sufficiente della fabbrica, la sindacalista ha esortato Diess ad avviare a Wolfsburg il progetto Trinity «significativamente prima del 2026». Basata su una piattaforma completamente nuova, la SSP (Scalable Systems Platform), Trinity, ovvero la seconda generazione di auto elettriche con livello 2+ e a seguire 4 di guida autonoma, dovrebbe assicurare la leadership delle auto elettriche a Volkswagen. Per ora però la leadership è in mano a Tesla, che a settembre con la Model 3 è stata la più venduta, in assoluto, in Europa e si è guadagnata la testa nella quota di mercato delle auto a batteria: 24% contro il 22% di Volkswagen.

Al confronto ha partecipato anche il primo ministro della Bassa Sassonia Stephan Weil (62 anni, della Spd), che è anche membro del consiglio di sorveglianza del Gruppo. Weil ha ammesso che il momento è molto delicato per l’industria automobilistica e che il sito di Wolfsburg non riesce a fare fronte alla domanda in una fase di profondo cambiamento e di passaggio alle auto elettriche. Tuttavia, ha avvertito Weil, deve essere compito dell’azienda offrire prospettive invece che suscitare preoccupazioni. Un chiaro messaggio per Diess.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti