Sport

Weah a sorpresa: "Tifo Juventus sin da bambino"

a cura di Datasport


2' di lettura

Impossibile dimenticare il gol di George Weah con la maglia rossonera in occasione di un Milan-Verona della stagione 1996-1997 finito 4-1 per il 'Diavolo'. Il liberiano, pallone d'Oro nel 1995, prese palla dalla propria area di rigore e, dopo 90 metri di folle corsa, lasciò partire un missile che fece esplodere San Siro. Con la maglia del Milan, Weah ha giocato 114 partite in campionato condite da 46 reti, molte delle quali davvero spettacolari. Eppure, ai microfoni de 'L'Equipe', l'ex attaccante svela un particolare che, di certo, non farà piacere ai tifosi rossoneri.

"La Juventus è la mia squadra del cuore sin da quando sono bambino - svela il liberiano -. Da piccolo, in Liberia, giocavo con la maglia bianconera. Guardavo le magie di Platini in televisione e mi sono innamorato di quella squadra. Non avrei mai immaginato di vedere dal vivo proprio Michel. Quando, anni dopo, l'ho incontrato per la prima volta, non riuscivo a smettere di sorridere - prosegue Weah -. Ero contentissimo. Da quel momento, la Juventus mi è entrata nel sangue, ma non ho mai avuto la fortuna di giocare per loro, anche se mi sarebbe piaciuto".

Il liberiano ha un passato proprio nel Monaco, prossima avversaria dei bianconeri nella gara di ritorno di semifinale di Champions League: "Era troppo presto ancora per venire in Italia, così ho scelto il Psg, che non era blasonato come oggi, dopo il Monaco. Molti mi criticarono, ma io pensavo che il club sarebbe potuto arrivare presto ai livelli del Monaco e del Marsiglia, e poi ho attraversato la mia migliore stagione proprio con quella maglia", conclude l'ex rossonero.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...