4 idee da vivere nel week end

3/5Musica Eventi

Week end tra amici/ In Val di Fassa per Chef per Aria e il Festival del Puzzone

Esclusiva, come i posti a disposizione, eccellente, come le creazioni degli chef, generosa, come il ricavato in beneficenza. Ha davvero tutti gli ingredienti per essere un'esperienza unica “Chef per Aria”, la cena tra terra e cielo del 16 settembre in Val di Fassa a bordo delle cabine della funifor Alba-Col dei Rossi (inaugurata a dicembre 2015). In quest'originale sala ristorante, che compie un balzo di 880 metri salendo da Alba di Canazei (1495 m) fino al Col dei Rossi (2376 m), non solo si consumano delizie per il palato preparate da una ventina dei migliori chef dell'associazione “Cheghes de Fascia”, ma si ha pure l'opportunità di ammirare un panorama d'incanto, tra Belvedere di Canazei e i gruppi dolomitici di Sella, Sassolungo e Marmolada, tra la sfumature accese del tramonto e le pennellate blu della notte che avanza. Il viaggio comprende anche pause golose, musicali e d'intrattenimento nelle stazioni a valle e a monte della funivia: l'inizio è naturalmente nella sala della partenza di Alba dove raffinati finger food accolgono gli ospiti che poi si accomodano a tavola in cabina (18 persone per ciascuna) . La bontà non resta però circoscritta alle portate degli “Chef per aria”: il ricavato della serata (costo di partecipazione: 80 euro a persona) viene interamente devoluto in beneficenza a due enti che operano sul territorio (Anffas Trentino Onlus e Croce Rossa Italiana - Comitato locale Val di Fassa). promossa dalla società Doleda Impianti Funiviari in collaborazione con Apt Val di Fassa e altri importanti partner). Per tutte le info (valdifassa.com). Nel week end da non perdere un'immersione nella bellissima isola del benessere realizzata a Pozza di Fassa (QTerme) dove è consigliabile programmare un'intera giornata. E per i buongustai e per gli appassionati di escursioni sempre nel week end c'è l'edizione 2018 del “Festival del Puzzone di Moena”, che dal 14 al 16 settembre nella “Fata delle Dolomiti” in collaborazione con la “Strada dei formaggi delle Dolomiti”, accontenta tutti mettendo in campo, sabato 15, ben due “Trekking del Puzzone”. L'escursione, da sempre un must della rassegna, assecondando trend e richieste, quest'anno raddoppia. Indicato per le buone forchette l'itinerario gourmet (8.30-16) che prevede una colazione genuina all'agritur “El Mas”, quindi in zona Roncac il percorso a piedi scalzi, cui segue la pausa per una zuppa riequilibrante, infine, una volta raggiunto il Dos Budon, la ricompensa golosa: il dolce dello chef stellato Paolo Donei. In alternativa c'è il più impegnativo percorso “active” (ore 8.30-16.30) per esplorare i dintorni di Moena salendo al Bait di Poc, dove si fa uno spuntino energetico a base di Puzzone, e quindi ai piedi del Sass da Ciamp, per giungere poi al Dos Budon per il prelibato dessert di Donei.

Ma il festival inizia, come sempre, venerdì, quando si può prendere parte a il “Gusto del BenEssere”: una passeggiata di salute e risveglio muscolare con piatto finale a tema a Malga Roncac. Nel rispetto della tradizione, la domenica arriva il momento clou del festival che celebra sia il ritorno dai pascoli del bestiame, con la “Desmonteada” (ore 11.30) - una sfilata di mucche adornate di fiori, pecore, capre, asini, pastori, malgari, cavalieri, gruppi folk e associazioni che attraversano il centro del paese sulle note della Banda di Moena - sia il formaggio di casa con il taglio, in Piaz de Sotegrava di ben quattro forme di Puzzone di Moena Dop, prodotto (secondo un severo protocollo) dai caseifici autorizzati, ovvero Predazzo-Moena, Val di Fassa, Val di Fiemme e Primiero.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti