MERCOLEDì via all’operazione

Whirlpool cede lo stabilimento di Napoli al gruppo Prs. Mise: scelta grave

Whirlpool cederà lo stabilimento di Napoli alla Passive refrigeration solutions (Prs), società con sede legale a Lugano che fa capo a imprenditori italiani, per produrre conteiner refrigerati

di Vera Viola


default onloading pic

2' di lettura

Whirlpool cederà lo stabilimento di Napoli alla Passive refrigeration solutions (Prs), società con sede legale a Lugano che fa capo a imprenditori italiani, per produrre conteiner refrigerati. Lo ha annunciato l'ad Luigi La Morgia al tavolo sulla vertenza Whirlpool al ministero dello Sviluppo Economico. La cessione del ramo d'azienda partirà mercoledì.

Un patto è stato già siglato con la società che fa capo a Alberto Ghilardi e Giovanni Ferrario (ex Pirelli ed ex Italcementi). Whirlpool assicura il mantenimento dei livelli occupazionali.

La notizia è stata accolta molto male dai lavoratori in presidio a Roma e dai sindacati. «L' avvio, già da domani, della procedura di cessione del ramo di azienda di Whirlpool con l'individuazione di un nuovo partner è offensiva. Essa prevederebbe un confronto tra le parti, ma non mi sembra ce ne sia intenzione. Serve rispetto per i lavoratori», ha detto Barbara Tibaldi, della segreteria della Fiom Cgil, al tavolo del Mise, rivolgendosi ai vertici aziendali presenti ricordando loro anche che c'è ancora un accordo da rispettare, quello firmato dalle parti lo scorso 25 ottobre.

La vertenza si trascina da giugno, quando la multinazionale aveva annunciato l'intenzione di dismettere lo stabilimento con 412 dipendenti che produce lavatrici di alta gamma. I numerosi incontri che si sono succeduti non sono serviti a trovare una soluzione, nemmeno dopo che l'ex ministro Luigi Di Maio aveva offerto e stanziato (con decreto) 17 milioni di contributi.

La decisione di Whirlpool sul sito di Napoli «è una grave scorrettezza da parte della multinazionale nei confronti sia del Governo che dei lavoratori». Così la sottosegretaria al Mise, Alessandra Todde (M5S). «Ferma contrarietà» anche del vicecapo di Gabinetto, Giorgio Sorial: «Il Governo non può accettare il comportamento dei vertici della Whirlpool, che hanno sempre trovato il supporto e la collaborazione di tutte le istituzioni per individuare una soluzione condivisa finalizzata a garantire la continuità produttiva e la salvaguardia dei lavoratori del sito di Napoli».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...