ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùtlc

Wind Tre al lavoro con i sindacati per gestire 1.500 potenziali esuberi

Nei prossimi tre anni in Wind Tre ci saranno 1.500 potenziali esuberi. Ma la telco intende gestirli in maniera «non traumatica». Ok dei sindacati

di Andrea Biondi


default onloading pic
AFP

2' di lettura

Nei prossimi tre anni in Wind Tre ci saranno 1.500 potenziali esuberi. Ma la compagnia telefonica intende gestirli in maniera condivisa «e non traumatica», attraverso «insourcing di nuove attività, riprofessionalizzazioni, formazione certificata e uscite volontarie».

I sindacati di categoria delle Tlc - Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil hanno comunicato gli esiti dell’incontro con la società telefonica controllata al 100% da Hutchison. Al centro della discussione il Piano di impresa per il 2020-23 con le organizzazioni che definiscono «una buona notizia» il fatto «che l’azienda abbia deciso di provare a condividere un percorso comune e anche un modello» per il suo futuro in generale e per la gestione di 1.500 esuberi su 6.900 dipendenti totale nel particolare.

«Sebbene in un quadro competitivo ancora molto complicato, caratterizzato dalla presenza di operatori “leggeri” che continuano a spingere decisamente sul tasto della competizione sui costi, la dirigenza aziendale ha confermato di voler puntare su una crescita armonica che non rincorra necessariamente il mercato delle tariffe più basse ma stabilizzi l’azienda nel segmento delle medie e piccole imprese e del mercato consumer», scrivono i sindacati.

In questo quadro, per il triennio un punto chiave è «l’accordo commerciale con Fastweb» che «consentirà all’azienda di aprire ulteriori e interessanti spazi di sviluppo infrastrutturale, tecnologico e commerciale».

La fase di trasformazione per l’azienda però sarà inevitabile. E porterà anche all’esternalizzazione dei Data center. Partita, questa, sulla quale i sindacati comunicano che «i massimi dirigenti aziendali hanno alla fine accolto le richieste sindacali di procedere, nel caso di cessione dell’asset, solo con il criterio della volontarietà».

Prossimo incontro il 13 febbraio. Ma intanto i sindacati hanno espresso soddisfazione per l’approccio della compagnia guidata in Italia da Jeffrey Hedberg. «Il ragionamento di Wind Tre è condivisibile, siamo nel solco della contrattazione di anticipo», ha detto a Radiocor Riccardo Saccone (Slc Cgil). «Nel triennio – continua Saccone – siamo nelle condizioni con la nostra cassetta degli attrezzi, tra uscite volontarie e riprofessionalizzazioni, di monitorare e gestire la situazione di Wind Tre senza atti unilaterali e traumatici. Tuttavia - avverte - qualora Wind Tre dovesse dichiarare 1.500 esuberi noi non saremmo d’accordo»

«Wind Tre – spiega Giorgio Serao (Fistel Cisl) – vive la grande crisi che da alcuni anni affligge il settore delle telecomunicazioni. Operare in un contesto competitivo e a bassa marginalità è oggettivamente difficile. In questo quadro di difficoltà intendiamo verificare con l'azienda la possibilità di un percorso condiviso per cercare ogni strumento utile alla conservazione del perimetro occupazionale puntando sulla internalizzazione di attività di valore, formazione e riqualificazione professionale con l'obiettivo di gestire eventuali eccedenze senza effetti traumatici sui lavoratori».

L’incontro avuto con l'azienda, afferma dal canto suo Pierpaolo Mischi, segretario nazionale Uilcom Uil, «è stato positivo a cominciare dal fatto che si è scongiurato una strappo relazionale anche sulla cessione dei data center visto che l’azienda ha dato rassicurazioni sul fatto che anche per i dipendenti di quell’asset si ragionerà solo su uscite volontarie. Quanto alla complessità dell' intero progetto riorganizzativo si sono gettate le basi per un percorso condiviso».

Riproduzione riservata ©
Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...