ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùDiplomazia al lavoro

Xi e Biden, prove di disgelo: entro dicembre incontro a distanza

Sei ore di meeting a porte chiuse a Zurigo tra i consiglieri per la sicurezza dei due Paesi hanno aperto la strada al meeting tra i presidenti

di Rita Fatiguso

Taiwan, voli cinesi vicino al confine aumentano la tensione

2' di lettura

La notizia trova conferma anche nei rumors cinesi oltre che in fonti americane: il presidente cinese Xi Jinping e quello americano Joe Biden hanno in programma di incontrarsi virtualmente prima della fine di quest’anno.

Sarà lo snodo più importante per la diplomazia mondiale, Xi Jinping nel frattempo ha dichiarato di non aver pianificato incontri multilaterali in persona, inclusi G20, COP26 e APEC.

Loading...

Nei prossimi giorni saranno definiti i dettagli: è il risultato più importante del meeting di Zurigo tra Jake Sullivan e Yang Jiechi, responsabili della sicurezza Usa e della diplomazia cinese.

Il round di Zurigo tra Sullivan e Yang

Sei ore di incontro serrato a Zurigo tra il consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca Jake Sullivan e il suo omologo cinese Yang Jiechi. Sono aumentate le tensioni tra le due nazioni su Taiwan e la disputa commerciale tra Stati Uniti e Cina.

Lunedì, la rappresentante per il commercio degli Stati Uniti Katherine Tai ha accusato la Cina di non essere all’altezza dei suoi impegni nell’ambito dell’accordo commerciale di fase 1 dell’ex presidente Donald Trump e ha promesso di difendere gli interessi economici degli Stati Uniti.

L’incontro sarebbe andato decisamente meglio del summit di Anchorage del marzo scorso, un vero e proprio flop diplomatico. A prevalere, questa volta, sarebbe stato il pragmatismo e il bisogno di dare una risposta alle questioni più importanti in cantiere.

Taiwan e commercio in calendario

Al centro del dialogo in Svizzera le tensioni su Taiwan e il commercio. Scattata l'allerta di Taipei davanti a 150 caccia cinesi in quattro giorni sui cieli dell’isola, il peggiore attacco in quarant’anni, il ministro della difesa Chiu Kuo-cheng aveva dichiarato che «la Cina ha già la capacità di invadere Taiwan e sarà in grado di organizzare un'invasione su larga scala entro il 2025». Entro il 2025, la Cina ridurrà i costi di un possibile intervento. Oggi ha già la capacità di farlo, ma deve prendere in considerazione una serie di fattori.

Gli Stati Uniti, il principale fornitore militare di Taiwan, hanno confermato il loro impegno «solido come una roccia» nei confronti di Taiwan. Pechino accusa Washington di sostenere Taiwan con la vendita di armi e l'invio di navi da guerra nello Stretto di Taiwan, con l'aumento conseguente delle tensioni.

Cina inadempiente sulla Fase 1

«Ci atterremo all'accordo di Taiwan» ha ribadito il presidente americano Joe Biden, riferendosi alla telefonata del 9 settembre scorso con il presidente cinese Xi Jinping.

Tra i problemi rilevanti ai quali ha fatto riferimento la portavoce del ministero degli esteri cinesi, Hua Chunying, c’è il commercio. Washington rimprovera Pechino di non aver onorato la fase 1 dell’accordo bilaterale. E annuncia di non voler più fare sconti alla Cina.

Il surplus cinese infatti non accenna a calare: altri 45 miliardi di dollari in agosto, secondo i dati ufficiale, la Cina nonostante il coronavirus e lo shortage energetico ha continuato a macinare utili dall'import-export, arrivando a detenere grandi quantità di riserve valutarie.

Nel 2013 Pechino ha superato gli Stati Uniti diventando la più grande economia commerciale del mondo ed è stato il Paese con il più alto surplus commerciale, pari a 422 miliardi di dollari Usa, a partire dal 2019. Nel 2017, quasi il 22% delle importazioni degli Stati Uniti proveniva dalla Cina, diventata ormai un partner commerciale vitale per molte economie mondiali.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti