ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLa lettera del presidente cinese

Xi Jinping: disposti a lavorare con gli Usa per coesistenza pacifica

Cina e Stati Uniti devono «trovare il modo di andare d’accordo» per salvaguardare la pace e lo sviluppo nel mondo che «oggi non è né pacifico né tranquillo», ha scritto Xi in una lettera al National Committee on Us-China Relations

I taiwanesi sul terzo mandato a Xi Jinping: prepararsi a tutto

2' di lettura

La Cina «è pronta a collaborare con gli Usa per trovare il modo giusto per andare d’accordo nella nuova era sulla base del rispetto reciproco, della coesistenza pacifica e della cooperazione vantaggiosa per tutti». Lo sostiene il presidente Xi Jinping, alla guida del Partito comunista cinese con un terzo e inedito mandato affidatogli domenica, in un messaggio letto alla cena di gala annuale del National Committee on Us-China Relations al Plaza di New York, secondo il network statale Cctv. A metà novembre, in occasione del G20 a Bali, in Indonesia, Xi potrebbe avere il primo faccia a faccia in persona con il presidente americano Joe Biden.

Cina e Stati Uniti devono «trovare il modo di andare d’accordo» per salvaguardare la pace e lo sviluppo nel mondo che «oggi non è né pacifico né tranquillo», ha scritto Xi nella lettera di congratulazioni all’organizzazione no-profit, in quelle che sono le sue prime osservazioni dopo il XX Congresso nazionale del Pcc. «In quanto grandi potenze, il rafforzamento della comunicazione e della cooperazione tra Cina e Stati Uniti aiuterà ad aumentare la stabilità e la certezza globali e a promuovere la pace e lo sviluppo nel mondo», ha aggiunto il presidente cinese. In questo modo «non sarà solo un bene per entrambi i paesi, ma anche per il mondo», ha scritto Xi.

Loading...

Cina e Stati Uniti si sono scontrati negli ultimi anni su questioni che vanno dalla tecnologia alla pressione di Pechino su Taiwan fino alla repressione a Hong Kong e alle violazioni dei diritti nello Xinjiang. Washington ha anche accusato Pechino di fornire copertura diplomatica per l’invasione russa dell’Ucraina. L’amministrazione Biden, infine, ha definito questo mese la Cina come l’unico “competitor” degli Stati Uniti «con l’intento di rimodellare l’ordine internazionale e, sempre più, il potere economico, diplomatico, militare e tecnologico per portare avanti tale obiettivo».


Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti