ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùOligarchi

Yacht di Medvechuk all’asta a Kiev, il ricavato agli ucraini. Fermato a Londra Fridman

I proventi dello superyacht dell’oligarca, il «principe oscuro» amico di Putin, saranno destinati all’Ucraina

Il super-yacht di Viktor Medvedchuk (Ansa)

2' di lettura

Un superyacht da 200 milioni di dollari di proprietà di Viktor Medvedchuk, un oligarca ucraino amico di Vladimir Putin che è soggetto a sanzioni, sarà messo all’asta da Kiev dopo il sequestro in Croazia. Un tribunale croato - afferma il governo di Kiev - ha stabilito che lo yacht Royal Romance di 92,5 metri di Medvedchuk dovrebbe essere trasferito all’Agenzia ucraina per il recupero e la gestione dei beni (Arma), per «preservare il valore economico vendendolo all’asta». Lo riferisce il Guardian. Sarebbe la prima volta che un bene di un oligarca sotto sanzioni viene ceduto alle autorità ucraine.

Il «principe oscuro» e l’altro yacht venduto all’asta

Il 68enne Medvedchuk, spesso definito il «principe oscuro» della politica ucraina (Putin è il padrino di sua figlia Daria), era stato arrestato in Ucraina ad aprile e consegnato alla Russia in uno scambio di prigionieri a settembre. Il suo yacht, il Royal Romance, era stato sequestrato in Croazia all’inizio dell’anno. A settembre un altro superyacht sequestrato a un oligarca russo sottoposto a sanzioni, Dmitry Pumpyansky, era stato venduto all’asta a un acquirente non rivelato per 37,5 milioni di dollari, nella prima vendita di questo tipo dall’invasione dell’Ucraina da parte della Russia. I proventi però non erano finiti nelle casse dell’amministrazione ucraina, ma erano andati alla banca d’affari statunitense JP Morgan, per rifarsi di un debito contratto dallo stesso oligarca Pumpyansky.

Loading...

Fermato a Londra l’oligarca russo Mikhail Fridman

La National Crime Agency (NCA) del Regno Unito ha arrestato e rilasciato su cauzione l’oligarca russo Mikhail Fridman con l’accusa di riciclaggio di denaro, cospirazione per frodare il Ministero dell’Interno e cospirazione per falsa testimonianza. Il miliardario, nato in Ucraina, 58 anni, co-fondatore di LetterOne, una società di investimento internazionale con sede in Lussemburgo, di Alfa Group, e di Alfa-Bank, una delle più grandi banche private russe, è stato arrestato giovedì scorso nella sua residenza multimilionaria a Londra. Tra gli oligarchi russi, è stato il primo a esprimere contrarietà verso la guerra contro l’Ucraina.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti