Permessi e divieti

Zona bianca, domande e risposte: cosa si può fare dal 31 maggio

Tavoli al massimo per 6 persone al chiuso e senza limiti all’aperto. Italia con tre regioni in fascia bianca dal 31 maggio. Altre tre saranno libere dal 7 giugno e sette in pole per il 14 giugno

di Nicoletta Cottone

Aggiornato il 3 giugno alle ore 16

Coronavirus, Rt nazionale in calo a 0.72: Molise a 1, Sardegna a 0.50

7' di lettura

Italia verso la fascia bianca ovunque. Dal 31 maggio in zona bianca tre regioni: Friuli Venezia Giulia, Molise e Sardegna. Il 7 giugno poi sarà la volta di Abruzzo, Liguria e Veneto. Poi, il 14 giugno, in bianco anche Emilia Romagna, Lazio, Lombardia, Piemonte, Puglia, Umbria e provincia autonoma di Trento. Il testo tiene conto degli allentamenti previsti dalla nuova ordinanza del ministro della Salute che anticipa alcune riaperture e modifica alcune regole. E dell’accordo raggiunto fra regioni e governo sul numero dei commesali in zona bianca. É indispensabile avere in tasca o in borsa il green pass per andare al banchetto di un matrimonio, non solo in area gialla, ma anche in zona bianca. Al bar è consentita la consumazione al banco, ma rispettando il distanziamento. Ecco un piccolo vademecum con domande e risposte su cosa si può fare in zona bianca e cosa no.

BAR

Loading...

É consentita la consumazione al banco nei bar?

La consumazione al banco è consentita dal 1° giugno, ma è necessario assicurare una distanza interpersonale di almeno un metro tra i clienti (che passa a due metri se si passa in uno scenario di rischio).

C’è un limite alle persone che possono entrare nel bar?

Se non ci sono posti a sedere deve essere consentito l’ingresso a un numero limitato di clienti per volta, in base alle caratteristiche dei singoli locali, in modo che sia assicurato il distanziamento di un metro (due se c’è un quadro epidemiologico di rischio).

CENTRI COMMERCIALI

I centri commerciali sono aperti nel fine settimana?

Sì, i centri commerciali sono stati riaperti nei fine settimana dal 22 maggio 2021, anche in zona gialla. Le riaperture hanno interessato gli esercizi commerciali all’interno dei mercati e dei centri commerciali, gallerie commerciali, parchi commerciali e altre strutture assimilabili.

CENTRI CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVI

Possono riaprire i centri sociali e culturali?

É previsto che in zona bianca possano restare aperti centri culturali, centri sociali e centri ricreativi. Riaperture che invece in zona gialla scatteranno dal 1° luglio.

COPRIFUOCO

In zona bianca resta in vigore il coprifuoco?

No, il coprifuoco non è in vigore in fascia bianca, quindi si può liberamente circolare. In zona gialla invece fino al 6 giugno è in vigore il coprifuoco dalle 23 alle 5 del mattino. Dal 7 giugno il coprifuoco è fissato dalle 24 alle 5 del mattino. Dal 21 giugno anche in zona gialla scompare il coprifuoco.

DISCOTECHE

Posso andare in discoteca?

Sì, ma senza ballare. Si potrà ascoltare la musica, mangiare o bere, ma resta vietato ballare.

DISTANZIAMENTO

É ancora previsto il rispetto del distanziamento?

Sì, resta in vigore l’obbligo di distanziamento interpersonale, con l’obiettivo di evitare gli assembramenti. Resta l’uso obbligatorio della mascherina all’aperto quando non si può mantenere la distanza e al chiuso nei luoghi pubblici. Prevista la sanificazione nei luoghi chiusi e una corretta aerazione.

FESTE

Posso organizzare una festa?

Sì, si possono organizzare feste nei locali, ma l’ingresso è consentito a un numero limitato di ospiti, calcolato in base alle caratteristiche del locale. Il buffet è consentito solo se a somministrarlo è il personale. Gli invitati non possono servirsi da soli o toccare quanto esposto, a meno che il buffet sia organizzato con monoporzioni. Resta l’obbligo del distanziamento e di utilizzo della mascherina quando non si sta mangiando o bevendo. Il personale deve indossare sempre la mascherina. In zona gialla le feste sono permesse dal 15 giugno. In caso di eventi musicali va mantenuta la distanza di almeno tre metri fra musicisti e pubblico.

É obbligatorio il green pass?

Sì, dopo una serie di tira e molla è stato stabilito e confermato da un comunicato stampa congiunto del ministero della Salute con la Conferenza delle regioni e delle province autonome che per partecipare a una festa è obbligatorio il green pass in zona bianca e in zona gialla. Può averlo chi ha il certificato di vaccinazione (due dosi di Pfizer, Moderna o Astrazeneca o con una dose di J&J) o è stato vaccinato da almeno 15 giorni con la prima dose di Pfizer, Moderna o Astrazeneca. Oppure chi è guarito dal Covid-19 o si è sottoposto a tampone nelle 48 ore precedenti con esito negativo.

Gli ospiti possono servirsi da soli al buffet?

Solo se il buffet è organizzato con monoporzioni. Altrimenti deve essere il personale incaricato a servire ed è vietato farsi le porzioni da soli e toccare i cibi.

GIOCO

Sono aperte le sale giochi?

Sì, in zona bianca sono aperte sale giochi, sale scommesse, sale bingo e casinò. Riaperture che invece in zona gialla avverranno il 1° luglio.

GREEN PASS

Quando è necessario usare il green pass?

Il green pass, in zona bianca e gialla, serve per partecipare a feste e banchetti dopo matrimoni, comunioni, cresime. Per spostarsi fra regioni bianche e gialle non serve, mentre sarà indispensabile quando ci saranno regioni o province autonome arancioni o rosse (in questo momento in Italia non ci sono zone arancioni o rosse).

Chi può ottenere il green pass?

La certificazione verde può ottenerla chi dimostra di essere stato vaccinati con due dosi di Pfizer, Moderna o Astrazeneca o con una dose di J&J o di essere guarito dal Covid-19 o di essersi sottoposti a tampone nelle 48 ore precedenti con esito negativo. In base alle ultime novità introdotte dal recente decreto legge 65 del 18 maggio 2021 la certificazione verde spetta anche alla somministrazione della prima dose di vaccino Pfizer, Moderna o Astrazeneca, ma è valida solo dal quindicesimo giorno successivo alla somministrazione e fino alla data prevista per il completamento del ciclo vaccinale.

Chi rilascia il green pass?

Per chi è stato vaccinato «la certificazione è rilasciata, in formato cartaceo o digitale, dalla struttura sanitaria ovvero dall’esercente la professione sanitaria che effettua la vaccinazione». Per i guariti dal Covid la certificazione verde è rilasciata «in formato cartaceo o digitale, dalla struttura presso la quale è avvenuto il ricovero del paziente affetto da Covid-19, oppure, per i pazienti non ricoverati, dai medici di medicina generale e dai pediatri di libera scelta». Il risultato negativo del tampone viene attestato dalla farmacia o dal laboratorio privato in cui si effettua il test molecolare o antigenico. Si ricorda che in molte regioni il certificato vaccinale si scarica con lo Spid.

MATRIMONI

Ci sono regole per i buffet dei matrimoni?

Gli ospiti di un banchetto di nozze dovranno avere il certificato verde, anche in zona bianca. Il buffet è consentito solo se a somministrarlo è il personale. I clienti o gli ospiti di un banchetto non possono servirsi da soli o toccare quanto esposto. Possono servirsi da soli solo ai buffet con monoporzioni. Resta l’obbligo del distanziamento di almeno un metro e di utilizzo della mascherina quando non si sta mangiando o bevendo. Il personale deve indossare sempre la mascherina. Non ci sono limitazioni sul numero di commensali al tavolo, ma deve essere sempre garantita la distanza di un metro.

Al buffet gli ospiti possono servirsi da soli?

No, possono farlo solo i buffet sono realizzati con prodotti confezionati in modosose. Altrimenti deve essere il personale incaricato a servire gli ospiti.

Ci sono regole per la musica dal vivo?

Se al rinfresco c'è la musica dal vivo, i gruppi dovranno essere ad almeno tre metri di distanza dal pubblico, se non ci sono barriere anti-droplet vicino al microfono. Gli intervenuti potranno ballare, ma solo all’esterno e ognuno dovrà avere almeno 1,2 metri quadrati a disposizione. Gli eventi in spazi interni sono possibili solo se ci si trova in area bianca: in questo caso è necessario che ogni ospite abbia 2 metri quadrati a disposizione. E deve essere potenziato il ricambio d’aria all’interno del locale.

MASCHERINA

Devo portare ancora la mascherina?

Sì, anche in zona bianca resta l’obbligo di usare la mascherina: all’aperto quando non si può mantenere la distanza e al chiuso nei luoghi pubblici. Non hanno l’obbligo di indossare le mascherine i bambini di età inferiore ai sei anni, le persone con patologie o disabilità incompatibili con l’uso della mascherina e chi deve comunicare con un disabile in modo che non consete l’uso della mascherina. Esentate anche le persone che stanno svolgendo attività sportiva.

PARCHI DI DIVERTIMENTO

Posso portare i miei figli in un parco di divertimento?

Sì, in area bianca possono stare aperti parchi tematici e di divertimento. In zona gialla invece riapriranno il 15 giugno.

RISTORANTI

Quali sono le regole per mangiare al ristorante?

Si riapre subito anche al chiuso, ma nel rispetto dei protocolli. É necessario adottare misure per evitare assembramenti al di fuori del locale. Viene raccomandato l’accesso tramite prenotazione (ma è consentito anche senza, se gli spazi lo consentono). I tavoli devono essere disposti garantendo ai clienti una distanza di almeno un metro. I clienti devono indossare la mascherina, tranne quando bevono o mangiano. Il personale deve indossare sempre la mascherina. Deve essere favorita la consultazione di menù online o plastificati (e quindi disinfettabili dopo l’uso) o cartacei a perdere. Al termine di ogni servizio devono essere pulite e disinfettate tutte le superfici. Resta l’obbligo di esporre un cartello che indichi il numero massimo di persone che possono essere contemporaneamente presenti nei locali. Il numero massimo si stabilisce in relazione allo spazio e ai ricambi dell’aria. C’è l’obbligo di rendere disponibili prodotti per l’igienizzazione delle mani a clienti e dipendenti. Dal 1° giugno anche in area gialla sarà consentito il consumo di cibi e bevande anche all'interno dei locali. In zona bianca nessun limite di commensali al tavolo, mentre in zona gialla resta il limite di quattro, a meno non si tratti di conviventi.

Al ristorante si deve indossare la mascherina?

La mascherina deve essere indossata dai clienti in ogni occasione, tranne quando stanno bevendo o mangiando. Il personale deve invece indossare sempre la mascherina.

I tavoli devono essere sempre da 4 persone?

Dopo un lungo tira e molla il 3 giugno è stato stabilito che in zona bianca scompare il limite di commensali seduti in tavoli all'aperto, mentre resta, se pur ampliato, il limite di sei commensali non conviventi al chiuso. Il limite di sei persone al chiuso - dalle prime informazioni . dovrebbe decadere dopo la metà del mese di giugno. Resta però indispensabile rispettare il distanziamento.

I ristoranti hanno limiti di orario?

In zona bianca no, in zona gialla devono rispettare i limiti imposti dal coprifuoco.

É consentito l’asporto di cibi e bevande e la consegna a domicilio?

Sono consentite senza restrizioni la vendita con asporto di cibi e bevande e la consegna a domicilio, che deve comunque avvenire nel rispetto delle norme sul confezionamento e sulla consegna dei prodotti.

SCI

Posso andare a sciare?

Sì, gli impianti dei comprensori sciistici hanno riaperto dal 22 maggio 2021, anche in zona gialla, nel rispetto linee guida adottate.

ZONA BIANCA

Come viene stabilito l’ingresso in zona bianca?

Sono in zona bianca le regioni che si collocano in uno scenario di tipo 1 e con un livello di rischio basso, dove si manifesta una incidenza settimanale dei contagi, per tre settimane consecutive, inferiore a 50 casi ogni 100mila abitanti. Restano sospesi gli eventi che implichino assembramenti in spazi chiusi o all’aperto, comprese le manifestazioni fieristiche, i congressi, le attività che abbiano luogo in sale da ballo e discoteche e locali assimilati, all’aperto o al chiuso, e la partecipazione di pubblico agli eventi e alle
competizioni sportive. La modifica delle misure è esaminata dal Tavolo tecnico permanente al ministero dellla Salute, composto da un rappresentante del Comitato tecnico-scientifico, da un rappresentante dell'Istituto superiore di sanità e da un rappresentante delle regioni e province autonome interessate.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti