Prima misura di policy: basta irrazionalità

    Il pessimismo della ragione e l’ottimismo del cuore. Uniti e amalgamati dal realismo. Perché la situazione è sia grave sia seria. E perché le parole sono pietre. Non c’è politica industriale senza politica economica. E non ci sono né economia né società senza impresa. La manifattura - nelle sue declinazioni nazionali ed europee - è il nocciolo duro di un discorso civile prima che politico, politico prima che economico

    – di

    Sul deficit «monetizzato» Tria è ministro o professore?

    Si tratta del finanziamento in moneta del deficit attraverso l’intervento diretto della Banca Centrale Europea sul terreno delle emissioni. Con l’obiettivodi «recuperare appieno gli strumenti di politica macro-economica per assicurare un coordinamento non risolto, certamente in Europa, tra politica monetaria e bilancio»

    – di

    Il fastidioso caso delle coperture di bilancio

    Si discute animatamente su come destinare il miliardo (circa) che avanzerebbe dal reddito di cittadinanza appena introdotto, e di cui non si dispone una contabilità finale (discorso che vale anche per quota 100 sul fronte delle pensioni), per dirottarlo su altri fronti

    – di

    Giorgetti, il pontiere che ha rotto il ponte

    Se un chiaro alt politico arriva dal sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, figura-chiave e solitamente in penombra di ogni Governo di qualsiasi colore, politico o tecnico che sia, bisogna quanto meno alzare le antenne...

    – di

    L’astensionismo (a caro prezzo) che dilaga ai margini dell’Europa

    È probabile che alle prossime elezioni europee l’astensionismo si riconfermi maggioranza, come accadde nelle elezioni del 2014 (57% di non votanti). Nelle ultime quattro consultazioni, la soglia del 60% è tuttavia rimasta inviolata. Diversi segnali ci dicono che lo rimarrà anche nel 2019, proprio per l’insorgenza di movimenti sovranisti-populisti nei territori periferici o semiperiferici della Ue, dove più debole è il feeling di appartenenza e più ampia la distanza da un’Europa che conta, nel cuore delle sue grandi capitali

    – di

    Sulle Regioni evitiamo pasticci in salsa provinciale

    Non fosse altro perché si discute dell'attuazione di un articolo della Costituzione, bisognerebbe evitare le opposte demagogie e, appunto, mettere sul piatto un confronto serio. La posta in gioco è alta e andrebbe salvata dai gorghi della campagna elettorale permanente

    – di

    Circolo virtuoso con più donne in politica

    Le donne rappresentano il 36,1% dei membri del Parlamento europeo. Una percentuale in crescita, anche se ancora lontana dalla parità. Dal 1979 a oggi la percentuale di donne nel Parlamento europeo è ...

    – di

Vai all’archivio
I più letti di Opinioni del Sole
ECONOPOLY Numeri idee progetti per il futuro
ALLEY OOP L'altra metà del Sole