John Mayall e Jethro Tull, grandi vecchi Made in Britain

Che il cielo ci preservi i grandi vecchi, precursori, padri e padrini di quanto di tutto ciò che ascoltiamo oggi. La settimana della musica dal vivo, in un certo senso, è come se fosse dedicata a loro. Giudicate voi: da un lato abbiamo John Mayall, l’ideologo di quall’ampio movimento che fu il blues revival inglese degli anni Sessanta, dall’altro abbiamo i Jethro Tull che, nati proprio in seno al blues revival, contribuirono a spingere un po’ più in là gli orizzonti del rock

– di

    Da Florence a Joe Jackson: pop sofisticato da oltremanica

    Pop britannico di quello squisitamente sofisticato, ieri come oggi. Da un lato Florence and the Machine, icona barocca degli anni Duemila, dall’altro Joe Jackson che nel cuore degli anni Ottanta impastava jazz e New Wave con rara raffinatezza. E poi l’elettronica Big Beat di Fatboy Slim e l’indie rock dei californiani Xiu Xiu

    – di

    Europa Creativa, Italia quinta per aiuti ricevuti. Risorse raddoppiate

    Con 180 progetti coordinati per un valore di 41,2 milioni l’Italia è soltanto quarta tra i Paesi dell’Unione europea ad attingere a Europa Creativa 2014-2020, il programma di finanziamenti Ue per i settori culturale che vede primeggiare la Francia per numero di progetti coordinati e fondi ottenuti. Il dato è emerso a Roma nel corso di un convegno sul tema organizzato da Assomusica, l’associazione dei promoter organizzatori di concerti, l’European live music association e Impresa Cultura Italia Confcommercio

    – di

    Al Bano nella lista nera dell’Ucraina: «Io una minaccia? Ne parlo col mio avvocato»

    Il ministero della Cultura ucraino ha inserito anche il cantante Albano Carrisi, in arte Al Bano, nella lista degli individui che considera una minaccia alla sicurezza nazionale. Dotato di una voce prodigiosa, l’artista di Cellino San Marco ancora una volta «incrocia la storia», dopo aver sposato la figlia di Tyrone Power e Linda Christian e vinto una causa per plagio intentata nientemeno che a Michael Jackson

    – di

    Slash e Mike Shinoda, grandi reduci rock and roll

    Mike Shinoda, rapper membro storico dei Linkin Park, a Milano e Padova con il «Post Traumatic Tour». Slash porta al Fabrique l’ultimo album con Myles Kennedy and the Cospirators. L’indie rock dei White Lies di rotta su Bologna, mentre Jon Spencer, stavolta senza Blues Explosion, sarà protagonista di un live act a Torino

    – di

    Nasce Eventim Live, colosso europeo dei concerti (con 4 promoter italiani)

    Che Cts Eventim, multinazionale della musica live, avesse rilevato le agenzie italiane di promoting Friends & Partners, D’Alessandro & Galli, Vertigo e Vivo Concerti è cosa nota a chi segue le cronache del music business. Il fatto nuovo è che il colosso tedesco adesso riunisce le sue 26 società europee sotto un unico brand: quello di Eventim Live.

    – di

    Antonella Ruggiero per l’Europa dei Giusti

    La cantante si esibisce questa sera per un concerto gratuito nel Duomo di Milano. «È una giornata della speranza, in ogni situazione l’essere umano può fare qualche cosa» spiega Nissim, che ha istituito la Giornata, approvata dal Parlamento europeo e italiano

    – di

    Morto Keith Flint, cantante dei Prodigy simbolo della cultura rave

    Il diavolo fatto musica elettronica. Il suo era uno dei volti più iconici della musica inglese degli anni Novanta. Se n’è andato a 49 anni d’età Keith Flint, front leader dei Prodigy, trio simbolo del big beat e della «rave generation», autore di pietre miliari del genere come Voodoo People, Smack My Bitch Up e Firestarter. Il corpo è stato trovato all’interno della sua abitazione a Dunmow, Essex

    – di

    Grant-Lee Phillips intimo e acustico

    Torna il rock degli anni Novanta, stavolta in versione intima, unplugged. Gira l’Italia in tour Grant-Lee Phillips, l’uomo che nei Nineties fu al timone dei Grant Lee Buffalo: dopo le date di Milano e Roma si esibirà venerdì primo marzo all’Auditorium Fermi di Celano (l’Aquila) e all’Ovettspace di Vicenza sabato 2 marzo

    – di

    «La luna e la gatta» di Takagi & Ketra sembra un classico di Aretha Franklin

    Takagi & Ketra, i re Mida dell’italico pop contemporaneo, tornano con La luna e la gatta, nuovo singolo per il quale hanno allestito una specie di dream team indie-rap con Jovanotti, Tommaso Paradiso e Calcutta, riuniti sotto il logo The Barbooodos. Ma il brano è una variazione sul tema di Don’t play that song for me nella versione di Aretha Franklin

    – di

    Accademia alla Scala, corsi ed eventi live sul web

    Tradizione e innovazione si uniscono sul palcoscenico del Teatro alla Scala di Milano: attraverso il progetto “Stage on the Net” l’offerta culturale e formativa dell’Accademia Teatro alla Scala ...

    Siae, Mogol sta con radio sovranista. Quando traduceva Dylan e Bowie

    Dopo il lancio del progetto di Legge Morelli per le quote minime di canzoni italiane in radio, il presidente di Siae Mogol scrive agli associati esortandoli a «contribuire a questa battaglia per la valorizzazione della nostra musica». A margine del dibattito sulla metodologia di conteggio della presenza radiofonica dei brani, viene da chiedersi: che ne sarà delle numerose traduzioni da classici inglesi e americani a firma del paroliere di Battisti?

    – di

Vai all’archivio
Video

Trova il cinema più vicino e gli orari dei film della settimana.

I più letti di Musica
Archivio storico