Musica

Il Ravenna Festival dedicato a Dante

Ravenna e il suo Festival sono in prima linea per il ritorno alla musica dal vivo in Italia: il 2 giugno, giorno della Festa della Repubblica, si riapre nel segno di Dante, del quale il Festival - nei settecento anni dalla morte - celebra vita e opera con nuove produzioni e commissioni a compositori, coreografi e drammaturghi. E per due mesi lo spettacolo sarà di casa in Romagna con oltre 70 eventi e 1200 artisti coinvolti nella XXXII edizione, interamente in presenza, affrontando con coraggio e creatività le limitazioni della pandemia, adottando misure mirate a garantire la sicurezza di artisti, staff e pubblico. Tra i protagonisti Alessandra Ferri, Beatrice Rana, Accademia Bizantina, Leonidas Kavakos, Charles Dutoit, Daniil Trifonov, Aterballetto, Vinicio Capossela.... Il programma completo su www.ravennafestival.org. Il Festival abita suggestivi spazi fra Ravenna, Cervia, Russi e Lugo – per lo più sotto le stelle – e conferma la scelta di prezzi accessibili e contenuti in streaming (ravennafestival.live)

  1. Anniversario dantesco

    Dante sa parlare anche in armeno

    La rassegna dedica incontri speciali, dal «Purgatorio» di Mansurian (con debutto a Erevan alle «Laudi» paradisiache di Giuseppe Verdi), ai concerti di Muti con i Cherubini e il «Maggio» a Ravenna, Firenze e Verona

  2. Danza

    Un’ora squisita in punta di piedi

    Debutta con un pezzo ispirato a Beckett, ballato da Alessandra Ferri, il nutrito programma
    coreutico che ospita un «Don Giovanni» femminista e gli omaggi a Stravinsky e alla «Vita nuova»

Brand connect