Italia in ritardo: a rischio 1,5 miliardi di fondi Ue non spesi

Mentre tra Roma e Bruxelles si discute di centesimi di deficit per reddito di cittadinanza e pensioni, regioni e ministeri italiani rischiano di perdere da qui a fine anno un bel pacchetto di fondi europei per gli investimenti. Le cifre sono della Dg Politiche regionali della Commissione europea a poche settimane dal 31 dicembre quando scatterà la temuta regola dell’N+3 che prevede il disimpegno automatico delle somme la cui spesa non viene certificata entro tre anni dall’anno d’impegno

– di

Vai all’archivio
Newsletter
I più letti di Fondi UE