Il Sole 24 Ore aderisce al Trust Project

L'adozione di regole etiche costituisce una condizione necessaria per costruire un nuovo patto di fiducia con la comunità  dei lettori e perseguire con successo l'obiettivo di rappresentare un insostituibile organo di informazione per il Paese.

Il Sole 24 Ore ha scelto di aderire al Trust Project, un progetto nato all'Università  di Santa Clara (California) e voluto da gruppo di editori internazionali, che ha l'obiettivo di valorizzare nell'ecosistema digitale il giornalismo di cui fidarsi. La convinzione comune è che attraverso l'adozione di regole etiche e linee guide editoriali possa essere accresciuto il livello di fiducia degli utenti rispetto all'informazione digitale.

Le regole contenute in queste "Linee guida editoriali" raccolgono le indicazioni che sono emerse dalle ripetute ricerche effettuate dal Trust Project rispetto a cosa gli utenti pensano e valutano sull'affidabilità  delle notizie.

Le Linee guida editoriali riprendono nella completezza il Codice di autodisciplina dei giornalisti contenuto nel Codice etico del Gruppo 24 Ore (approvato il 6 marzo 2018)e sono integrate con prassi e regole sulla relazione con gli utenti così come previsto dal Trust Project.

L'adesione al Trust Project è frutto di un processo di revisione che ha toccato molti aspetti del lavoro della redazione: riflessioni di carattere etico, cambiamenti nella maniera in cui presentiamo e organizziamo le notizie, interventi di tipo grafico che vanno nel segno della chiarezza e della trasparenza per i lettori, correzioni nascoste nel codice delle pagine html che facilitano il lavoro di indicizzazione per i motori di ricerca. Il simbolo di questo lavoro, durato mesi, è il logo del Trust Project, una sorta di marchio di qualità  che ci siamo guadagnati. L'adesione ai principi del Trust Project non è condizionale, riguarda tutto quello che facciamo. La nostra scelta editoriale è tuttavia di pubblicare il logo in evidenza solo per gli articoli più significativi, le notizie che abbiamo in esclusiva o che riflettono in maniera particolare il brand de Il Sole 24 Ore.

La missione

Il Sole 24 Ore, forte dei 150 anni della propria storia, interpreta - in linea con la missione del Gruppo 24 ore - i valori del libero mercato, di una comunità  economica pienamente integrata nell'Unione europea. Con un'informazione completa e indipendente, misura il grado di trasparenza del Paese e ne favorisce la libera iniziativa e l'efficienza.

Il Sole 24 Ore resterà  fedele alla propria identità  storica; voce insostituibile del mondo dell'impresa, delle professioni, dei mercati finanziari. Una guida quotidiana e in tempo reale alla complessità  del mondo globale e multimediale.

Il ruolo del giornalista

I giornalisti hanno come obiettivo di raccontare nel modo più documentato e puntuale tutti i fatti che ritengano di rilevanza per la formazione di un'opinione pubblica consapevole. Nel loro lavoro si impegnano ad avere come fondamentale riferimento la comunità  dei lettori, segnalando e analizzando le notizie e non cercando di fare notizia. Con i lettori cercheranno di avere un rapporto costante e aperto, chiedendo loro anche opinioni e contributi per un'informazione sempre più puntuale.

I valori

Fin dalla sua fondazione, e durante il corso di questi 150 anni di storia, Il Sole 24 Ore ha sempre dichiarato i suoi valori fondanti, ribaditi nel Codice etico di Gruppo.

Fiducia e credibilità 

La costante rigenerazione del patto di fiducia con la propria comunità  di lettori è obiettivo fondamentale del lavoro del Sole 24 Ore.

Le caratteristiche di ricerca di sintesi, selezione e specializzazione che sono peculiari de Il Sole 24 Ore sono oggi pienamente riconosciute, tanto che ricerche indipendenti lo ritengono come il più affidabile quotidiano italiano.

Questi riconoscimenti richiedono nell'ecosistema digitale uno sforzo ancora più grande su tutte le piattaforme informative. Perciò Il Sole 24 Ore ha deciso di aderire al Trust Project per trarre dal confronto con le migliori pratiche internazionali ancora nuovi stimoli e sollecitazioni per una costante revisione dei propri processi.

La trasparenza

Lo sforzo de Il Sole 24 Ore è di rendere sempre più chiaro quale tipo di informazione il lettore sta leggendo o guardando o ascoltando sul proprio sito e sulle altre piattaforme dove è o sarà  presente nonché di costruire degli indicatori di affidabilità  e trasparenza leggibili e utilizzabili dai motori di ricerca e dalle piattaforme social così da certificare questo sforzo per un'informazione di qualità .

Gli indicatori che Il Sole 24 Ore mette a disposizione sia degli utenti che delle piattaforme riguardano:

  • I processi di funzionamento della redazione
  • La chiara definizione delle diverse tipologie di contenuto
  • Le competenze dei propri giornalisti
  • Le metodologie seguite nella costruzione dei contenuti e nella loro correzione

La verità  sostanziale dei fatti

Il rispetto della verità  sostanziale dei fatti, la massima documentazione di ciò che scrivono, la presentazione ai lettori di fatti circostanziati attraverso l'analisi di tutti i documenti possibili è un impegno fondamentale. L'indicazione delle fonti originali, dei documenti ai quali si è fatto riferimento, l'analisi rigorosa delle informazioni sono elementi imprescindibili della prassi giornalistica della redazione.

Standard di comportamento

Il Sole 24 ore nel proprio Codice di autodisciplina dei giornalisti ha adottato standard di comportamento molto rigorosi nella consapevolezza che per il mondo dell'informazione si imponga la necessità  di regole più rigide.

Abuso del ruolo e privilegi

I giornalisti e i collaboratori de Il Sole 24 Ore si impegnano in particolare:

  • a non usare la propria posizione professionale nei rapporti con gli esterni per ottenere benefici economici o privilegi per sé o per altri
  • a rendere chiara al lettore la distinzione tra informazione e pubblicità . Si impegnano a non inserire negli articoli messaggi pubblicitari e a non accettare remunerazioni che, sotto alcuna forma, possano condizionare la scelta e il contenuto degli articoli
  • a rifiutare nell'ambito del loro lavoro per sé e per i propri familiari entro il secondo grado, per i coniugi o i partner di fatto e i loro familiari e affini entro il secondo grado qualunque forma di pagamento, omaggio, privilegio, servizio gratuito o a condizioni particolarmente favorevoli del valore indicativo superiore ai 100 euro o che possa comunque danneggiare l'accuratezza, la correttezza e l'indipendenza dell'informazione che elaborano e dei giudizi che esprimono
  • a rifiutare nell'ambito del loro lavoro offerte di viaggi e sistemazioni alberghiere pagate da enti o aziende per sé e per i propri familiari o per i coniugi, i partner di fatto e i loro familiari e affini. In casi eccezionali e particolari, solo il giornalista incaricato del servizio può essere beneficiario di queste offerte se autorizzato dal direttore
  • a restituire gli oggetti ricevuti in prova entro un tempo congruo per valutare il prodotto e comunque non oltre i due mesi.

Conflitti di interessi

Il Sole 24 Ore si impegna ad evitare ogni forma di conflitto di interesse e di situazioni che possano crearlo.

Giornalisti e collaboratori si impegnano a segnalare al direttore i casi diretti e indiretti di conflitto di interesse nel momento stesso in cui sorgono.

Non sarà  consentito di pubblicare articoli a giornalisti che si trovino nelle condizioni di conflitto di interessi come previsto dal codice etico.

Nel caso il conflitto di interessi non sia accertato prima della pubblicazione dell'articolo, il direttore si impegna a renderlo noto ai lettori

Rapporti con i mercati finanziari

I giornalisti e i collaboratori de Il Sole 24 Ore si impegnano a non comprare o vendere titoli finanziari, anche indirettamente o attraverso parenti e affini, di cui si stanno occupando o di cui progettano di occuparsi nell'immediato futuro. Seppure a giornalisti e collaboratori de Il Sole 24 Ore sia consentita, come a qualunque altro cittadino, l'attività  di compravendita di titoli e strumenti finanziari, si impegnano a non occuparsi di società  di cui essi o i propri familiari e affini, detengano azioni o obbligazioni.

Nel pieno rispetto della legge sull'insider trading, si impegnano a non usare a proprio profitto informazioni finanziarie non pubbliche di cui sono venuti a conoscenza nell'ambito della propria attività  professionale o di collaborazione.

Attività  esterne

I giornalisti e i collaboratori del Sole-24 Ore si impegnano a non scrivere su convegni e dibattiti a cui partecipano come relatori o moderatori, a meno che l'attività  prestata sia a carattere gratuito e sia compatibile con l'accuratezza e l'indipendenza richiesta da questo codice. Sono esclusi dalla norma i convegni organizzati dal Gruppo 24 Ore.

I giornalisti lavorano esclusivamente per Il Sole 24 Ore, a meno che non siano esplicitamente autorizzati dal Direttore. Attività  e lavori esterni sono considerati incompatibili con il ruolo di indipendenza del giornalista. Le attività  legate ad enti e organizzazioni governative sono ovviamente considerate le più delicate.

Gli altri codici

A integrazione del Codice di autodisciplina contenuto nel Codice etico e di queste Linee guida editoriali, i giornalisti e i collaboratori de Il Sole 24 Ore sono tenuti al rispetto del testo unico dei doveri del giornalista, il codice di autodisciplina dell'Ordine dei Giornalisti, che recepisce i contenuti dei seguenti documenti:

  • Carta dei doveri del giornalista
  • Carta dei doveri del giornalista degli uffici stampa
  • Carta dei doveri dell'informazione economica
  • Carta di Firenze
  • Carta di Milano
  • Carta di Perugia
  • Carta di Roma
  • Carta di Treviso
  • Carta informazione e pubblicità 
  • Carta informazione e sondaggi
  • Codice deontologico relativo alle attività  giornalistiche
  • Codice in materia di rappresentazione delle vicende giudiziarie nelle trasmissioni radiotelevisive
  • Decalogo del giornalismo sportivo

Diversità 

Il Gruppo 24 Ore - come da Codice etico - favorisce le condizioni che permettano, alle persone che in esso e per esso operano, di poter esprimere al meglio le proprie competenze e personalità . I dipendenti e collaboratori del Gruppo 24 Ore sono chiamati ad operare con spirito di collaborazione, apportando il contributo di competenze di cui dispongono.

Il Gruppo intende garantire a tutti i suoi dipendenti e collaboratori il rispetto della dignità  della persona e assicurare condizioni lavorative che non comportino sfruttamento o pericolo. Non assume e condanna e contrasta atteggiamenti discriminatori per motivi legati al genere, all'orientamento sessuale, all'etnia, alla nazionalità , alle credenze religiose, alle opinioni politiche, allo stato di salute o a qualunque altro motivo non giustificato sulla base di un criterio oggettivo e ragionevole.

Le indicazioni di questo capitolo sono estratte dal Codice etico di Gruppo

Diverse opinioni

Le complesse problematiche che l'opinione pubblica oggi ha di fronte impongono attenzione ai diversi punti di vista. Razza, classe, generazione, genere, geografia influenzano la narrazione del discorso pubblico. Per il nostro giornalismo, che vuole rispondere ai bisogni della comunità , l'ascolto e il racconto delle differenti posizioni è fondamentale.

Rapporto sulla diversità 

Nelle scelte relative alla selezione, valutazione e valorizzazione dei propri dipendenti e collaboratori, il Gruppo 24 Ore è guidato unicamente dalla considerazione delle sole qualità  professionali e personali del singolo individuo.

La redazione del Gruppo 24 Ore è attualmente composta da 119 femmine e 169 maschi.

Il Sole 24 ore è impegnato a offrire uguali opportunità  senza distinzioni di genere, di origine, di fede o di qualsiasi altro elemento discriminante.

Tipologie di contenuti

La separazione delle notizie dai commenti è un principio dell'organizzazione dei contenuti de Il Sole 24 ore. Tutte le indicazioni della sezione "I nostri contenuti" definiscono puntualmente le previsioni generali del Codice di autodisciplina.

La separazione delle notizie dai commenti è un principio dell'organizzazione dei contenuti de Il Sole 24 Ore. Tutte le indicazioni della sezione "I nostri contenuti" definiscono puntualmente le previsioni generali del Codice di autodisciplina.

Gli articoli de Il Sole 24 Ore sono firmati dall'autore/i. Al nome di ciascun autore è legata una pagina che contiene una sintetica biografia ed altre informazioni, ad esempio la carica che riveste in redazione, gli argomenti di cui si occupa in maniera particolare. I profili degli autori riportano anche una selezione dei precedenti articoli. Se un profilo non è disponibile, lo sarà  al più presto.

Pubblichiamo articoli non firmati - o firmati come "redazione online" - quando si tratta di contenuti che possono avere come fonte comunicati stampa o lanci di agenzia e, seppure siano una parte importante del nostro servizio di informazione al lettore e siano ovviamente verificati, non sono frutto di una ricerca originale dei giornalisti del Sole.

Servizio

Contenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.

Può includere molteplici punti di vista su un particolare tema, a differenza di quanto avviene nei comunicati stampa o nella propaganda. Il servizio non presenta mai l'opinione dell'autore. Rientrano in questa categoria i contenuti di carattere narrativo, spesso identificati come 'feature', a patto che siano interamente basati su fatti. Qualora un servizio contenga anche una parte di analisi, la doppia categoria - servizio e analisi - deve essere indicata in maniera esplicita.

Notizia

Contenuto giornalistico che non può essere ricondotto a nessuna delle altre categorie previste dal Trust Project. Indichiamo come notizie contenuti che possono avere come fonte agenzie di stampa, tabelle con dati di mercato, editoriali o interventi che non possono essere descritti come commenti. Tra le notizie includiamo anche i contenuti pubblicati in passato, prima dell'adesione al Trust Project, qualora gli editori non siano in grado di aggiornare il loro archivio.

Analisi

L'analisi si basa sulla cronaca che sfrutta l'esperienza e la competenza specifica dell'autore per spiegare i fatti, a volte interpretando e traendo conclusioni al servizio dei lettori. Può includere previsioni di possibili evoluzioni di eventi sulla base dell'esperienza.

L'analisi si basa esclusivamente su ricostruzioni fattuali, sebbene l'autore utilizzi le proprie competenze sull'argomento per mettere le notizie in prospettiva e aiutare il lettore a comprendere l'evento o la questione. L'analisi si conforma alle linee guida generali di un servizio giornalistico. In genere, un'analisi segue o affianca un servizio sullo stesso argomento.

Inchiesta

Approfondimento di un singolo argomento che mette a frutto il lavoro di ricerche e significative risorse.

In genere ha una considerevole lunghezza e può essere presentato sia come un solo lungo articolo o una serie di puntate.

Commento

Promuove idee e trae conclusioni basate sull'interpretazione di fatti e dati da parte dell'autore.

Racconta al pubblico ciò che l'autore pensa dell'evento o del problema. I commenti possono includere fatti o citazioni, ma riflettono comunque le opinioni, le preferenze personali e le conclusioni dell'autore.

Per saperne di più

Contenuto basato su dati, che ricostruisce il contesto di una vicenda e definisce nel dettaglio gli elementi che caratterizzano un particolare argomento.

Può essere presentato come una preliminare ricostruzione dei fatti. Può essere una scheda di approfondimento del contesto. Un elenco dei principali fatti per dare al lettore l'opportunità  di una comprensione analitica di un evento attuale o avvenuto in passato. Può essere presentato come una lista, cronologia, avere una struttura di domande e risposte. Può essere indicata una scadenza oltre il quale il contenuto non deve essere più considerato valido.

Fact Check

Un servizio che verifica e stabilisce l'esattezza o meno di una dichiarazione o una serie di dichiarazioni. Questa tipologia può includere contenuti scritti con l'obiettivo esplicito di smentire notizie false.

Recensione

àˆ una valutazione o una critica di un servizio, di un prodotto, di un evento o di un'opera creativa (arte, spettacoli, letteratura, tecnologia, o altro).

Satira

Prevede il ricorso a esagerazioni, ironia o umorismo per esprimere opinioni. Non deve essere preso alla lettera.

Necrologio

Un articolo di cronaca che parla della morte di un individuo, fornisce un resoconto della vita della persona compresi i risultati raggiunti, le eventuali controversie in cui è stata coinvolta, e può riportare il ricordo di altre persone che la conoscevano.

Collabora con noi

Chiede al pubblico di segnalare alla redazione informazioni, approfondimenti, chiarimenti, aneddoti, documentazione, ecc.

Questa tipologia di contenuto è un modello di crowdsourcing in ambito giornalistico.

Nota sul metodo

Spiega al pubblico le modalità  con cui è stato realizzato un servizio giornalistico.

Qualora sia possibile, prevede che il materiale documentale originale sia messo a disposizione dei lettori offrendo il contesto dell'utilizzo come fonte per il servizio.

Contenuto pubblicitario

Prodotto per conto di o da una società  o una persona che ha pagato l'azienda editoriale per definire il contenuto e la posizione nel flusso dell'informazione.

In conseguenza della sua natura, indipendentemente dallo standard di qualità  del contenuto, non può essere considerato un prodotto di giornalismo imparziale. Questa tipologia include pubbliredazionali, materiale pubblicitario e altre forme di contenuti a pagamento.

Creato per

Prodotto per conto o su richiesta di una società  o di un individuo che ha pagato l'azienda editoriale per la sua realizzazione. Può essere confezionato al di fuori della redazione, ma il contenuto rispetta gli standard di qualità  della testata.

Questa tipologia non soddisfa i requisiti di un giornalismo pienamente imparziale perché uno sponsor è comunque intervenuto sulla produzione o la revisione finale del contenuto prima della sua pubblicazione.

Sponsored by

Prodotto con il sostegno finanziario di una società  o di un individuo che ha interesse a che l'azienda editoriale alzi il livello di attenzione su un particolare argomento ma lascia piena libertà  di sviluppare il contenuto.

Gli articoli pubblicati in questa tipologia rispettano gli standard rigorosi della redazione e non sono stati visionati dal soggetto esterno prima della pubblicazione.

Errori e correzioni

Il Sole 24 Ore si impegna a ridurre al minimo il numero di errori e a correggere quelli che si verificano. La precisione è il nostro obiettivo. Chiunque ritenga di dover portare errori alla nostra attenzione sarà  ascoltato con rispetto.

Le correzioni saranno riportate in fondo a ciascun articolo con un'indicazione che spiegherà  che cosa dell'articolo è stato cambiato rispetto al contenuto originario e perché.

Le correzioni saranno fatte nel più breve tempo possibile, appena la redazione ne avrà  avuto notizia e il giornalista autore dell'articolo - e la struttura di direzione della redazione - avrà  effettuato le necessarie verifiche.

Le correzioni potranno essere segnalate dai lettori sia nei commenti agli articoli, costantemente controllati, che attraverso una mail dedicata.

L'accuratezza è un obiettivo fondamentale de Il Sole 24 Ore che sarà  perseguito attraverso i processi di controllo dei contenuti che prevedono più livelli di verifica all'interno della redazione. Tutto ciò non è mai sufficiente a garantire in assoluto un'informazione priva di errori ma è obiettivo de Il Sole 24 ore porvi rimedio con rapidità  e trasparenza.

Fact-checking standard

Il giornale ricorre per la sua informazione a fonti primarie. Qualora ciò non sia possibile e si avvalga di fonti secondarie le cita per trasparenza.

Ogni notizia va controllata, attraverso l'uso e la consultazione incrociata di varie fonti. Non esiste differenza fra i contenuti del quotidiano di carta e quelli distribuiti sulle piattaforme digitali per la giustizia italiana e l'attività  informativa del Sole 24 ore ne è pienamente consapevole.

Salva la garanzia del segreto professionale, i giornalisti e i collaboratori del Sole 24 Ore si impegnano ad attribuire, ove possibile, ogni informazione rilevante a una fonte identificabile. àˆ comunque permesso, nell'interesse della completezza dell'informazione, riferire dichiarazioni anonime. I giornalisti si impegnano comunque a informare il lettore se si tratta di una fonte unica o di una pluralità  di fonti.

Il riferimento a fonti anonime rappresenta per Il Sole 24 Ore un'assoluta eccezione. E' perciò in ultima istanza il direttore a decidere sulla base della necessità  di tutelare in particolar modo la sicurezza della fonte.

Verifiche e processi interni

Qualunque informazione, che sia per il giornale di carta che per qualsiasi piattaforma digitale, è sottoposta ai processi standard di verifica - con fonti dirette, agenzie di stampa, canali social, banche dati e qualunque altra possibile fonte sia utile - e a processi di controllo interno stabiliti dalla gerarchia redazionale.

L'organizzazione redazionale prevede che ciascun articolo sia visionato dal capo del settore e/o dal desk centrale che controlla la pubblicazione sul sito.

Plagio e attribuzione

L'attribuzione dei contenuti ai corretti autori è sempre assicurata da Il Sole 24 Ore che ha come obiettivo di riconoscere la corretta titolarità  delle informazioni, non assumendo come proprio ciò che non lo è.

Imparzialità  e correttezza

Il concetto di verità  dei fatti è da sempre al centro della riflessione nel mondo giornalistico. Per i giornalisti de Il Sole 24 Ore si traduce nel realizzare la narrazione o la spiegazione di un fatto o di un contesto perseguendo: la correttezza, ovvero affrontando ogni tema con la massima onestà  intellettuale, senza pregiudizi, senza omissioni; la completezza, ovvero con il massimo impegno nella ricerca di tutti gli elementi che possono portare alla più fedele ricostruzione di una vicenda; l'imparzialità , ovvero l'impegno a non omettere elementi che abbiano significato o importanza per la comprensione

Salvi i poteri del direttore (previsti dall'articolo 6 del Contratto di lavoro), i giornalisti e i collaboratori de Il Sole 24 Ore si impegnano a riferire con correttezza anche le voci contrarie o lontane dalla linea del giornale nel caso in cui risultino rilevanti.

Dialogo con i lettori e social media

Il Sole 24 Ore è aperto alle sollecitazioni dei lettori che sono apertamente invitati a fornire contributi per un lavoro giornalistico ancora più approfondito.

I lettori possono dialogare attraverso i commenti sul sito, le piattaforme social e altri strumenti.

I commenti sono controllati dalla redazione che interagisce con i lettori e ne valuta l'interesse anche per possibili servizi.

Contatti

Qui il contatto per scrivere alla redazione de Il Sole 24 Ore:
redazione@ilsole24ore.com

Qui il contatto per le segnalazioni del pubblico:
feedback@ilsole24ore.com

Qui il contatto per la pubblicità :
System24

La storia de Il Sole 24 Ore

Il debutto nelle edicole è a Milano, il primo agosto 1865: il giornale "Il Sole", dedicato all'economia, è l'espressione di una borghesia liberale e innovatrice, voluto dal commerciante di stoffe Gaetano Semenza, dai fratelli imprenditori della seta Penocchio e dall'editore Francesco Vallardi.

Nei suoi primi anni "Il Sole" è stato un giornale di battaglia, per sostenere la rappresentanza democratica milanese nelle istituzioni, ispirato dalle idee di Carlo Cattaneo.

Per vent'anni la testata del giornale "Il Sole" fu accompagnata dal motto "per tutti splende". In una prima pagina dell'agosto 1865 si spiegava il perché di questa scelta: "Questo è un giornale che deve illuminare e scaldare la libertà  e deve indicare che nella moderna società  vi sono vantaggi ai quali tutti gli individui hanno il diritto di partecipare".

La prima edizione del Sole era composta da quattro pagine, la prima dedicata alle notizie economiche e la seconda a quelle politiche. Una scelta che già  allora dimostrava il forte collegamento tra informazione economica e conoscenza della società .

Il 12 settembre 1946 nasce il "24 Ore" nasce , sulle colonne gli interventi sono ispirati al liberalismo e a una radicata diffidenza verso l'interventismo statale.

I due giornali, "Il Sole" e "24 Ore" erano sempre più vicini nella linea editoriale e nelle battaglie ispirate dalle liberalizzazioni nell'economia. Il processo di fusione tra le due testate avvenne in modo naturale e il primo numero del "Sole 24 Ore" venne distribuito nelle edicole italiane il 9 novembre 1965.

Emblematico e preveggente il titolo dell'editoriale del primo numero del nuovo quotidiano affidato alla direzione di Mauro Masone: "Strumento di lavoro", a sottolineare l'importanza e l'utilità  dell'essere informati non solo per conoscere ma anche per prendere le giuste decisioni, nelle imprese e negli studi professionali.

Dagli anni Ottanta Il Sole 24 Ore accompagnerà  la trasformazione profonda dell'economia italiana ampliando e innovando profondamente il proprio contenuto informativo. Sono gli anni di crescita impetuosa delle vendite, che fa del Sole 24 Ore un autentico caso editoriale e il campione europeo di diffusione tra i giornali economico-finanziari.

Nel 1983 nasce il supplemento culturale della Domenica, nel 1986 si avvia la pubblicazione dell'edizione del Lunedì e nel 1989 viene varato il dorso autonomo Finanza e Mercati che oltre alla cronaca della Borsa italiana, tratta la finanza internazionale e tutti i prodotti del risparmio. Negli anni '90 si compie la svolta multimediale e al quotidiano si affiancano il sito ilsole24ore.com, l'agenzia di stampa Radiocor, l'emittente news&talk Radio 24, le testate e le banche dati professionali.

Nel 2016 il quotidiano è stato al centro di un'inchiesta giudiziaria. Con la trimestrale del settembre 2016 viene alla luce che i dati delle vendite delle copie digitali sono stati gonfiati. L'assemblea di redazione sfiducia il direttore Roberto Napoletano e dalla stessa redazione vengono presentati esposti alla magistratura. A inizio 2017 vengono sostituiti presidente e amministratore delegato della società . Con l'arrivo - a marzo 2017 - delle comunicazioni giudiziarie anche il direttore si dimette.

Il 14 marzo Guido Gentili, già direttore dal 2001 al 2005, è nominato direttore ad interim della testata. Il 9 agosto è confermato direttore responsabile e direttore editoriale di tutte le testate del Gruppo.

Il 12 settembre 2018 Fabio Tamburini, già inviato di finanza ed economia, vice direttore uscente dell'agenzia Ansa, è stato nominato nuovo direttore de Il Sole 24 Ore, RadiocorPlus e di Radio24. Guido Gentili è stato confermato come direttore editoriale.

La proprietà 

Il Sole 24 ore è una società  quotata in Borsa Italiana e pubblica i bilanci e tutti i documenti societari richiesti dalla legge, a beneficio di tutti i soci, investitori e lettori.

Il Sole 24 ore si finanzia sul mercato, attraverso l'attività  di raccolta pubblicitaria che è svolta dalla società  controllata System e la vendita diretta dei propri prodotti e servizi.

L'azionista principale de Il Sole 24 Ore è Confindustria, associazione degli imprenditori italiani. Il Sole 24 Ore è attento alle opinioni del mondo imprenditoriale di Confindustria.

  • Proprietario ed Editore
    Il Sole 24 ORE S.p.A.
  • Presidente
    Edoardo Garrone
  • Vide Presidente
    Carlo Robiglio

Gerenza