Walmart lancia una nuova sfida ad Amazon (con l’intelligenza artificiale)

È un «duello di strada» tantoè duro. E i protagonisti allestiscono arsenali sempre più sofisticati: quelli dell’intelligenza artificiale. Una guerra tra un consolidato protagonista della tecnologia, Amazon, e il riconosciuto gigante del retail tradizionale, Walmart, che ha deciso di rispondere con le stesse armi dello sfidante. Walmart si è lanciato nelle vendite ai consumatori gestite attraverso intrecci inestricabili e sempre più sofisticati di gadget, siti e soluzioni digitali oltre ai tradizionali negozi

– di

    Nike, profitti sopra le attese e giro d’affari in crescita del 7%

    Nike ha messo a segno profitti leggermente sopra le attese nell’ultimo trimestre, il suo terzo fiscale, pari a 65 dollari per azione. Gli utili netti di 1,1 miliardi hanno anche ribaltato perdite per 921 milioni nello stesso periodo dell’anno precedente. E il giro d’affari è stato in linea con le attese, pari a 9,611 miliardi di dollari e lievitato del 7 per cento.

    – di

    Trump riconosce a Israele sovranità sul Golan. Russia critica

    «Dopo 52 anni è il momento per gli Stati Uniti di riconoscere in pieno la sovranità di Israele sulle Alture del Golan, che hanno una importanza strategica per la sicurezza dello Stato di Israele», ha scritto in un tweet il presidente americano Donald Trump

    – dal nostro corrispondente

    Boeing, la Cina e l’Indonesia frenano sulle commesse di 737 Max

    Un segnale d’allarme aggiuntivo. Per avvisare i piloti in fase di decollo se il sistema elettronico anti-stallo ha qualche anomalia. Sarebbe questa, oltre a una revisione di tutto il software, e nuovi training a tutti i piloti, la risposta che Boeing starebbe valutando per migliorare la sicurezza dei suoi velivoli a medio raggio 737 Max 8 e 737 Max 9, costretti a terra dopo il divieto al volo emesso dalle agenzie regolatrici dell’aviazione civile in tutto il mondo

    – dal nostro corrispondente

    Fed, un cambio radicale di strategia

    La banca centrale Usa immagina ora di fermare la stretta o al massimo di alzare i tassi una sola volta l’anno prossimo ma le proiezioni su crescita e prezzi non cambiate così radicalmente

    – di

    Fed più «colomba» sui tassi: nessun aumento nel 2019

    La Federal Reserve sarà più “colomba” quest'anno e il prossimo e rivede la politica sui prossimi aumenti del costo del denaro: nessun giro di vite è atteso ora nel 2019, contro i due ipotizzati durante la riunione precedente, e solo uno nel 2020. Dopo i quattro aumenti del 2018 e i tre del 2017, la Banca centrale americana, che ha lasciato invariato il costo del denaro a range tra 2,25% e 2,50%, ha optato per un atteggiamento più cauto

    – di

    Disney-Fox: ecco cosa resta dell’impero di Murdoch

    La famiglia Murdoch ha dato formalmente addio a gran parte del suo vecchio impero. La grande fusione nei media e nello spettacolo, americano e globale, è stata completata: Disney ha chiuso l’acquisizione da 71,3 miliardi di dollari degli asset più preziosi della 21st Century Fox. Ma se tutti i riflettori sono puntati sul nuovo, il vecchio potrebbe ancora riservare sorprese: il business e il titolo della ridimensionata Fox Corporation - o New Fox come viene soprannominata, incentrata Tv e sport dopo aver ceduto due terzi delle attività - secondo alcuni analisti ha tuttora il potenziale per tener testa alle sfide, e anche per lievitare significativamente

    – di

    Mafia, un arresto a New York per l’assassinio del boss «Franky Boy»

    La polizia di New York ha arrestato una persona nell’ambito delle indagini sull’uccisione di Francesco Calì, 53 anni, il boss della potente famiglia mafiosa Gambino ammazzato nei giorni scorsi con una decina di colpi di pistola davanti alla sua villa in collina a Staten Island. Si tratta di Anthony Comello, 24 anni, residente del luogo, accusato di aver preso parte all’agguato anche se restano aperti ancora molti interrogativi: il movente, se ha agito per conto di altre persone, se aveva complici

    – di

    Boeing premia il Ceo ma anche il Pentagono la boccia

    Una cifra rivela forse più di altre le speranze di Boeing di superare velocemente la crisi scatenata da due fatali disastri aerei nel giro di soli cinque mesi che hanno messo in dubbio l’affidabilità del suo nuovo gioiello 737 MAX. La cifra è 23,4 milioni di dollari. Ed è quella che ha pagato al suo amministratore delegato Dennis Muilenburg

    – di

Vai all’archivio