Radiocor

Borsa: Europa tonica a meta' giornata, a Milano bene le banche, giu' Tim

Contrastati i future Usa. Corre il prezzo del greggio (Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 06 dic - Borse europee in rialzo, dopo le turbolenze della scorsa settimana provocate sia dalle notizie sulla variante Omicron, sia dai timori per l'inflazione. D'altra parte il consigliere della Casa Bianca, Anthony Fauci, pur raccomandando cautela, ha sottolineato che 'ci sono segnali incoraggianti sui sintomi della variante Omicron e sulla severita' della malattia'. In piu' i deludenti dati sul mercato del lavoro di novembre, pubblicati negli States venerdi' scorso, allontanano la prospettiva che la Fed possa alzare i tassi prima del previsto, nonostante l'impennata dell'inflazione. Cosi' a meta' giornata Milano sale dello 0,85%, Parigi dello 0,8% e Francoforte dello 0,4%. Amsterdam, inoltre, guadagna lo 0,43%, Londra lo 0,85% e Madrid l'1,12%. I future Usa sono pero' contrastati, con il Nasdaq debole.

A Piazza Affari sono ben impostate le banche, anche se Unicredit e' piu' indietro: guadagna mezzo punto percentuale mentre e' scattato il conto alla rovescia per il piano industriale, che verra' illustrato giovedi'. L'attesa per il piano di meta' dicembre, accende invece i fari su Generali (+1,7%). Tanto piu' che secondo notizie del fine settimana, Leonardo Del Vecchio e Francesco Gaetano Caltagirone starebbero preparando un contropiano che fara' perno sul risparmio gestito di Banca Generali (+1,4%). Sono invece deboli le Tim (-2,1%), sul timore che Kkr possa fare marcia indietro e non lanciare un'opa, dopo che Vivendi ha mostrato apertura a un grande progetto statale della rete, con la compagnia di tlc che potrebbe rinunciarne al controllo.

Perdono quota anche le Diasorin (-1,7%), le Ferrari (-1%) e le Leonardo (-1,1%), quest'ultime dopo il taglio di giudizio espresso da Bofa Merryll Lynch, che non vede di buon occhio un possibile avvicinamento del gruppo a Fincantieri (+0,17%).

Sul fronte dei cambi, l'euro rimane sotto la soglia di 1,13 dollari: e' scambiato a 1,1298 dollari (da 1,1297 di venerdi' in chiusura). Sale il valore del greggio: il wti di gennaio segna un rialzo del 3,35%, attestandosi a 68,47 dollari al barile. La performance sostiene i titoli oil, con Eni su di oltre il 2%.

emi-

(RADIOCOR) 06-12-21 13:01:08 (0289)NEWS 3 NNNN

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti