Radiocor

***Rai Way: per Dpcm controllo infrastruttura resta a Rai che dovra' avere almeno 30%

Societa' torri rimane quotata, con M&A accordi di gestione (Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 8 marzo - Rai puo' ridurre la propria partecipazione in Rai Way per favorirne la crescita ma mantenendo allo stesso tempo il controllo dell'infrastruttura strategica del Paese. E' quanto indicato - secondo quanto risulta a Radiocor - nella bozza del Dpcm firmato dal presidente del Consiglio Mario Draghi che apre alla possibilita' per Rai, attualmente titolare del 65% della societa' delle torri televisive, di scendere sotto il 51% nell'azionariato. La soglia minima di capitale a cui Rai potra' scendere e' il 30%. La modifica introdotta dal Dpcm va inquadrata nell'ambito della necessita' di rafforzamento finanziario e patrimoniale di Rai previsto dal piano industriale di Viale Mazzini. Ai prezzi attuali di Borsa, il pacchetto di controllo in mano a Rai ha un controvalore di circa 900 milioni di euro.

Ma il riassetto azionario favorito dal Dpcm, secondo l'attesa del mercato, potrebbe allo stesso tempo creare le condizioni per l'aggregazione industriale con Ei Towers, societa' delle torri televisive controllata dal fondo F2i al 60% e partecipata da Mediaset al 40%. Nella bozza si fa riferimento alla possibilita' che Rai definisca accordi di gestione e di governance in caso di operazioni straordinarie con altri player. Rai Way inoltre, secondo i dettami del provvedimento, dovra' rimanere quotata.

Fon

(RADIOCOR) 08-03-22 20:00:44 (0657)NEWS 3 NNNN

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti