Radiocor

Borsa: Europa in rialzo a meta' seduta, Milano +0,4% con bancari contrastati

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 08 ago - Borse europee in rialzo a meta' seduta, ritrovando un certo slancio che sembrava sfumato nel corso della mattinata. A Piazza Affari il Ftse Mib sale dello 0,39%, a Parigi il Cac40 dello 0,99%, a Francoforte il Dax40 dello 0,75%, ad Amsterdam l'Aex dell'1,06%, quando anche i future di Wall Street sono in positivo. Dopo la pubblicazione dei dati sul mercato del lavoro Usa venerdi', resta al centro dell'attenzione la Federal Reserve, con gli investitori che si interrogano sulla possibilita' che intervenga in maniera ancora piu' aggressiva sui tassi dopo che la disoccupazione a luglio e' scesa al 3,5% e sono stati creati piu' posti di lavoro del previsto.

Tuttavia, si aspetta il nuovo dato sull'inflazione Usa, che sara' pubblicato mercoledi' 10 agosto, per avere un quadro piu' completo dal punto di vista macroeconomico e valutare il comportamento della Fed. Per quanto riguarda l'Italia, venerdi' sera, l'agenzia Moody's, nel confermare a 'Baa3' il rating sul debito sovrano, ha abbassato l'outlook, portandolo da 'stabile' a 'negativo'. La decisione e' stata presa alla luce dei recenti sviluppi della politica interna, con la crisi del governo guidato da Mario Draghi e le elezioni anticipate che si terranno il 25 settembre. Per quanto riguarda i titoli, a Piazza Affari si muove in rialzo Bper (+3,15%), che consolida il progresso di venerdi' sulla scia dei risultati trimestrali sopra le attese e dopo che Ubs ha confermato il giudizio "buy" e alzato il prezzo obiettivo da 2,50 a 2,60 euro. Contrastati gli altri bancari: Banco Bpm -1,51%, Unicredit invariata e Intesa Sanpaolo +0,33%, in un seduta in cui i finanziari si mostrano volatili. Mediobanca scivola dello 0,58% e Generali dello 0,37%. Contrastati anche i petroliferi con il petrolio che ha fallito il rimbalzo: Tenaris +1,59%, Saipem +0,63%, quando Eni perde lo 0,4%. Tra i titoli in rialzo, Campari +1,39%, Interpump +1,27% e Inwit +1,18%. Il prezzo del greggio e' di nuovo in calo: il contratto consegna Ottobre sul Brent perde lo 0,98% a 93,99 dollari al barile e quello scadenza Settembre sul Wti l'1,08% a 88,05 dollari al barile. Il gas ad Amsterdam intanto scivola dello 0,67% a 195 euro al megawattora.

Infine, sul mercato dei cambi, l'euro vale 1,0192 dollari (1,0186 in avvio e 1,0152 venerdi' in chiusura), e 137,351 yen (137,765 e 137,46), quando il biglietto verde passa di mano a 134,746 yen (135,227 e 135,35).

Fla-

(RADIOCOR) 08-08-22 13:09:56 (0237)NEWS,ENE 3 NNNN

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti