Radiocor

*** Tim: Gubitosi, chiesto ok Agcom e Ministero per 5mila cabinet in aree bianche


"Ma non rischiamo altre multe, aspettiamo autorizzazione" (Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Roma, 11 mar - Tim ha chiesto l'autorizzazione ad Agcom e al Ministero per "5mila cabinet attualmente non attivi nelle aree bianche", cioe' nelle aree a fallimento di mercato. Risponde cosi' Luigi Gubitosi, ad di Tim, alla domanda se, alla luce anche dell'emergenza coronavirus, la societa' abbia pensato a delle soluzioni per quelle aree dove non arriva la connettivita'. "Le aree bianche - ha detto - hanno sofferto del digital divide, Tim non ha potuto investire in quelle aree, e l'ftth non mi risulta essere ancora attivo. Noi intendiamo aprire, non appena ci sara' data autorizzazione, 5mila cabinet attualmente non attivi nelle aree bianche, potranno servire un numero di clienti molto elevato, saranno disponibili da subito, nel giro di un mese". Inoltre "stiamo intensificando programmi di Fwa (fixed wireless access) in quelle aree, la fibra sta arrivando anche in diverse forme nelle aree bianche. Chiaramente questa crisi accelera il processo, il traffico e' cresciuto moltissimo, e sta continuando a crescere". Alla domanda se l'apertura dei cabinet nelle aree bianche, progetto che in passato ha portato alla recente multa Antitrust da 116 milioni a Tim, possa mettere il gruppo a rischio di un nuovo procedimento, Gubitosi ha chiarito: "non abbiamo alcuna intenzione di essere nuovamente multati". Per Open Fiber "il tempo e' scaduto"; oggi "c'e' fabbisogno, Open Fiber e' in ritardo, come detto da qualche ministro, abbiamo chiesto ad Agcom e ministero l'autorizzazione ad aprire i cabinet, lo faremo una volta autorizzati, e saremmo sorpresi se si negasse ancora una volta a queste persone che vivono nelle aree bianche di collegarsi". Le condizioni sono nel frattempo cambiate: "Open fiber esiste, e' robusto, forte ha fatto i suoi lavori".

Sim

(RADIOCOR) 11-03-20 18:30:06 (0665)INF 3 NNNN

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti