Radiocor

Borsa: Europa in rialzo aspettando Draghi, a Milano (+0,4%) in evidenza St


(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 11 set - Borse europee in rialzo a meta' giornata, nell'attesa delle decisioni che domani annuncera' il consiglio direttivo della Bce. Gli esperti ritengono che Mario Draghi, nella sua penultima riunione in qualita' di presidente, abbassera' i tassi sui depositi delle banche, adesso pari al -0,4%. Non e' invece detto che lancera' anche un QE. A riprova negli ultimi giorni i rendimenti dei titoli di stato europei hanno rialzato la testa, dai minimi toccato la scorsa settimana. Lo spread tra Btp e Bund, comunque, rimane abbastanza stabile in area 158 punti, in un giorno in cui il Tesoro guidato dal neo-ministro, Roberto Gualtieri, ha piazzato con successo 6,5 miliardi di Bot a un anno con tassi in forte calo. Milano guadagna lo 0,4%, Parigi lo 0,42% e Francoforte lo 0,72%. Oscilla sulla parita' Madrid, mentre Londra sale di quasi un punto percentuale. A Piazza Affari corrono le azioni delle banche con Bper che guida i rialzi e segna un progresso superiore al 2%. Sono in evidenza le azioni di St (+3,4%), all'indomani della presentazione dei nuovi prodotti di Apple, suo principale cliente. Telecom guadagna lo 0,7%, grazie al sostegno del giudizio favorevole di Jp Morgan. Per contro sono deboli le azioni piu' difensive come le Snam (-0,7%), le Terna (-0,7% e le Italgas (-1,5%). Fca arretra dello 0,6% dopo che il ceo di Renault, Thierry Bollore', ha dichiarato che la priorita' del gruppo auto e' di rivedere gli accordi con Nissan e che un'operazione con la casa italo-americana non e' sul tavolo. Rimbalzano dell'1% le azioni di Ferrari, dopo il netto calo della vigilia. Fuori dal paniere principale, sono premiate le Technogym (+5,5%) all'indomani della buona semestrale. Mediaset sale di mezzo punto percentuale, dopo avere piu' volte cambiato la direzione di marcia. I titoli si attestano a 2,79 euro, contro il prezzo di recesso (diritto che scadra' al termine della settimana) di 2,77 euro, concesso agli azionisti che non condividono l'operazione di fusione con la controllata spagnola per la creazione di un gruppo paneuropeo con base in Olanda. L'euro intanto e' in lieve calo a 1,1015 dollari. Vale inoltre 118,65 yen, mentre il dollaro-yen e' pari a 107,71. Il petrolio e' in rialzo; il wti, contratto con consegna a ottobre, guadagna l'1%, portandosi a 57,95 dollari al barile.

emi-

(RADIOCOR) 11-09-19 12:56:28 (0260)NEWS 3 NNNN

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti