Radiocor

Spazio: Colao, senza Italia e Francia settore europeo sarebbe ben poca cosa -2-

Usa partner su alcuni elementi, ma serve capacita' negoziale (Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Roma, 12 mag -"Sostanzialmente - ha quindi fatto rilevare Colao - oggi i grandi vettori sono o italiani, o francesi, ci sono poi i microlanciatori, dove ci sono altre ambizioni europee, tedesche, inglesi, anche altri Paesi minori stanno sviluppando delle ambizioni, pero' un microlanciatore, per quando possa essere attraente dal punto di vista della facilita' operativa...se si vuole fare costellazioni da 700-800-1.000-2,000 satelliti, ci vogliono vettori importanti". E ha aggiunto: "Diventa molto importante avere i vettori Ariane e Vega, ma avere anche le condizioni economiche, propulsione liquida e riutilizzabilita' che li rendono economici su questi numeri enormi di lanci e l'ambizione congiunta italiana e francese e', attraverso il sistema Vega- Ariane e' di avere al contempo sia il volume sia i costi. E' un sfida forte".

Rispondo, in particolare, a una domanda relativa ai rapporti con il sistema spaziale Usa e all'autonomia europea di accesso allo spazio, ha osservato: "Il sistema statunitense Usa ha un soggetto privato molto aggressivo e probabilmente anche un po' sussidiato nei suoi costi, che ha raggiunto posizioni di costo molto attraenti e una flessibilita' di lancio in termini di basi maggiore della nostra. Dobbiamo guardare agli Usa in termini di partner con la quale sviluppare alcuni elementi di autonomia, ma e' fuori di dubbio che dobbiamo comunque avere capacita' di lancio e possibilmente anche qualche flessibilita' nelle location da cui si lancia, per avere anche della sostanza poi negoziale".

Bof

(RADIOCOR) 12-05-22 10:07:34 (0246)SPACE,EURO 5 NNNN

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti