Radiocor

Borsa: Europa incerta a meta' seduta con focus su inflazione, Milano +0,1%

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 15 set - Mattinata incerta per le Borse europee, che aspettano indicazioni sul fronte macroeconomico per avere maggiori elementi su cui valutare le prossime mosse delle banche centrali. Il focus resta ovviamente sull'inflazione, dopo che ieri il rallentamento dei prezzi alla produzione Usa in agosto ha in parte alleviato le preoccupazioni legate al dato peggiore delle attese sui prezzi al consumo. In vista del vertice della Federal Reserve della prossima settimana i future sui Fed Fund al momento danno per probabile al 74% un nuovo rialzo dei tassi di 75 punti base, mentre una maxi stretta da 100 punti base e' quotata al 26%. A Piazza Affari il Ftse Mib segna +0,25%, mentre gli acquisti sulle banche compensano i cali dei titoli del risparmio gestito e del settore energia.

Nel resto d'Europa, Francoforte cede lo 0,2%, Parigi lo 0,37% e Asmterdam lo 0,14%, mentre Londra e' in rialzo dello 0,28%.

Tra i principali titoli milanesi, continuano a mettersi in luce Banco Bpm (+1,67%), Intesa Sanpaolo (+1,07%), Bper (+0,99%) e UniCredit (+0,9%). Bene anche Finecobank (+1,89%), in un settore del risparmio gestito complessivamente debole alla luce delle prospettive di masse in ridimensionamento, strette nella morsa tra tassi in salita e aumento dell'inflazione. Banca Generali cede l'1,27% e Banca Mediolanum l'1,17%. Deboli anche Campari (-1,99%) e Tim (-1,47%), oltre a Eni (-1,13%) e Tenaris (-1,19%). Acquisti invece su Prysmian (+1,95%), che ha ottenuto due commesse da oltre 800 milioni dal gruppo tedesco Amprion, StMicroelectronics (+1,55%) e Cnh Industrial (+1,51%). Sul fronte dell'energia, petrolio in calo mentre gli investitori cercano di valutare l'evoluzione della domanda in vista dell'allentamento del lockdown per la metropoli cinese Chengdu e reagiscono alle indiscrezioni sul piano Usa per il riempimento delle riserve strategiche. I future novembre sul Brent segnano -0,56% a 93,57 dollari al barile, mentre il Wti consegna ottobre e' a 87,96 dollari (-0,59%). In rialzo del 4,6% a 228 euro per megawattora il gas naturale sulla piattaforma Ttf di Amsterdam. Sul valutario, euro poco mosso a 0,9981 dollari da 0,9980 ieri in chiusura. La moneta unica vale anche 143,21 yen (da 142,72), mentre il rapporto dollaro/yen e' a 143,47 (144,74).

Ppa-

(RADIOCOR) 15-09-22 13:03:02 (0311)NEWS 3 NNNN

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti