Radiocor

###Davos: lunedi' al via meeting 2022, Zelensky in videocollegamento, russi non invitati

Focus sulle sfide del mondo dopo l'Ucraina (Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 18 mag - Si apre lunedi' a Davos con un programma che prevede la presenza di oltre 2500 partecipanti il Meeting 2022 del World Economic Forum che si sarebbe dovuto svolgere in origine a gennaio ma fu poi essere rinviato per la nuova ondata della variante Omicron. Come ha sottolineato il fondatore Klaus Schwab, l'incontro di quest'anno - il primo in presenza fisica dopo due anni di collegamenti virtuali - avviene in una fase storica che e' stata stravolta dall'invasione russa dell'Ucraina, un evento che rappresenta un drammatico punto di svolta nelle relazioni geopolitiche e che rende ancora piu' difficile un contesto economico che ha attraversato la catastrofe della pandemia e che ora deve fare i conti con un balzo dell'inflazione che minaccia il potere d'acquisto dei piu' deboli e rischia di gettare nella poverta' milioni di persone. Il programma che si dipana su quattro giornate e' dunque incentrato su sei aree principali che vanno dalla restaurazione dell'ordine globale e della cooperazione regionale al sostenere la ripresa economica e all'obiettivo di costruire societa' piu' giuste ed eque. Capi di governo, amministratori delegati ed esperti inoltre discuteranno degli obiettivi di lotta al climate change, di trasformazione dei processi industriali e di come affrontare la rivoluzione digitale. Ai lavori del meeting prendera' parte in videocollegamento anche il presidente ucraino Volodymyr Zelensky mentre una nutrita rappresentanza di deputati del parlamento ucraino sara' presente ai lavori del meeting a Davos che invece ha deciso di escludere per questa edizione rappresentanti della Russia. "Quest'anno abbiamo deciso di non avere partecipanti delle imprese e delle autorita' russe - ha detto il presidente del Forum Borge Brende - Penso sia la giusta decisione, speriamo che la Russia prenda una strada diversa e decida di aderire alla Carta dell'Onu e ai suoi obblighi internazionali". Fra i leader che hanno garantito la loro presenza vi sono inoltre la presidente della Bce Christine Lagarde, la presidente della commissione Europea Ursula von der Leyen, la presidente del parlamento europeo Roberta Metsola, la presidente del Fondo Monetario Internazionale Kristalina Georgieva, il primo ministro tedesco Olaf Scholz e il vicepresidente della commissione europea Frans Timmermans. Per l'Italia e' prevista la presenza del ministro dell'Economia Daniele Franco, di quello delle Infrastrutture e mobilita' sostenibili Enrico Giovannini, assieme ai colleghi Roberto Cingolani (Transizione ecologica) e Vittorio Colao (innovazione e transizione digitale). Fra i manager presenti l'amministratore delegato dell'Enel Francesco Starace e il presidente Michele Crisostomo, il presidente di Unipol Carlo Cimbri, il presidente di Illycaffe' Andrea Illy e la presidente di Saipem Silvia Merlo.

Cop

(RADIOCOR) 18-05-22 18:02:40 (0594) 3 NNNN

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti