Radiocor

Wall Street: prosegue in ribasso (Dj -0,7%) pesano dati macro e virus Cina


(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - New York, 21 feb - A meta' seduta, gli indici su Wall Street viaggiano in ribasso, indietreggiando per il secondo giorno di fila. A pesare sono i timori per il possibile impatto sull'economia del coronavirus dalla Cina ma anche l'inattesa contrazione dell'attivita' nel settore dei servizi a febbraio. I casi di persone infette da coronavirus in Cina sono saliti a oltre 75.000 mentre i decessi sono oltre 2.000, ma a preoccupare i mercati e' adesso la diffusione del virus in altri Paesi come la Corea del Sud e il Giappone e le sue ripercussioni: la Corea del Sud ha riportato un calo dell'export e il Giappone ha visto l'attivita' manifatturiera rallentare. Sebbene, diverse aziende hanno gia' avvertito che l'epidemia avra' un impatto negativo sui conti futuri, il consigliere economico della Casa Bianca, Larry Kudlow, ha ribadito oggi che l'epidemia non dovrebbe penalizzare l'economia Usa in 'alcun modo significativo'. Sul fronte macroeconomico, l'attivita' nel settore servizi statunitense e' crollata a 49,4 punti, dai 53,4 punti della lettura definitiva di gennaio. Mentre quella nel settore manifatturiero e' scivolata a 50,8 punti dai 51,9 punti della lettura definitiva di gennaio. Un livello superiore ai 50 punti indica una contrazione della congiuntura mentre un livello inferiore, indica una contrazione. La paura per gli effetti del virus e per un possibile rallentamento della crescita economica, spinge pertanto gli investitori verso i cosiddetti beni rifugio, quali l'oro e i titoli di Stato Usa. Il metallo prezioso ieri ha toccato i massimi da oltre 7 anni e oggi, il contratto ad aprile, mette a segno un +1,49% a 1.644,60 dollari l'oncia, mentre il rendimento del T-bond trentennale, dopo aver toccato i minimi di sempre (1,892%), ora perde oltre 50 punti base all'1,921%. Sul fronte aziendale, Sprint sale del 6,07% a 10,06 dollari dopo che ha accettato di modificare i termini della sua fusione con T-Mobile per dare a Deutsche Telekom una quota maggiore della nuova azienda. T-Mobile cede lo 0,87% a 98,63 dollari. Dropbox guadagna il 21,70% a 22,78 dollari dopo conti superiori alle attese e dopo che l'azienda ha alzato la guidance per i margini di profitto e lanciato un programma di riacquisto di azioni proprie da 600 milioni di dollari. Dopo essere scivolato brevemente sotto la soglia psicologica dei 29.000 punti dopo la pubblicazione del dato sul settore dei servizi, adesso il Djia perde 203,36 punti, lo 0,70%, a quota 29.014,77. L'S&P 500 cede 29,14 punti, lo 0,86%, a quota 3.344,09. Mentre il Nasdaq lascia sul terreno 126,14 punti, l'1,30%, a quota 9.623,62.

A24-Zap

(RADIOCOR) 21-02-20 18:35:21 (0470) 3 NNNN

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti