Radiocor

Borsa: Europa ingessata, Lagarde e Trump non bastano a dare una scossa


Milano chiude invariata a -0,09%, ma corre Diasorin (Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 22 nov - Borse europee ancora in balia del'incertezza sul fronte del commercio internazionale. Anche se gli indici avevano provato ad alzare la testa nel pomeriggio alla fine hanno chiuso quasi invariate nonostante le parole concilianti sia del presidente cinese, Xi Jiping, sia di Donald Trump (quest'ultimo nel pomeriggio ha detto che un accordo con la Cina e' "molto vicino"). In secondo piano sono passati il miglioramento dell'attivita' manifatturiera europea e soprattutto le parole della numero uno della Bce, Christine Lagarde, per rassicurare che la politica monetaria rimarra' accomodante. Milano ha chiuso invariata (-0,09%), con lo spread in lieve peggioramento a 165 punti. Londra e' stata la migliore

A Piazza Affari Diasorin (+3,2%) ha aggiornato nuovi massimi proseguendo nella strada del rialzo imboccata a fine ottobre. Hanno rimbalzato le Exor (+0,99%), all'indomani della presentazione del piano industriale al 2022. Fca (-0,57%), per contro, ha continuato a soffrire per le accuse di corruzione da parte di General Motor. Hanno registrato un andamento contrastato le azioni delle banche, con Bper che ha perso il 2,4% dopo la recente corsa (solo da inizio ottobre le azioni hanno guadagnato oltre il 15%). Fuori dal paniere principale, Mediaset e' salita dell'1,6% nel giorno in cui il Tribunale di Milano ha dato una settimana di tempo alla societa' e a Vivendi per trovare un accordo. Sul fronte dei cambi, l'euro si e' indebolito a 1,1028 dollari (1,1059 ieri). La moneta unica vale inoltre 119,83 yen (119,96 ieri), mentre il dollaro/yen e' pari a 108,63. Il petrolio e' in discesa: il future a gennaio sul Wti perde l'1,7%, attestandosi a 57,58 dollari al barile.

emi-

(RADIOCOR) 22-11-19 17:41:48 (0477)NEWS,ENE,PA,ASS 3 NNNN

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti