Radiocor

Borsa: Milano (+0,55%) guida il tentativo di rimonta, scatto del gas

Germania alza stato allerta su forniture, Euro debole (Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 23 giu - Mattinata senza bussola per le Borse europee che, dopo una prima parte in netto calo a replicare le performance di ieri dettate dal rischio recessione, stanno rialzando la testa grazie al rimbalzo dei titoli di utility ed energia mentre l'euro paga lo scenario di debolezza emerso dagli indici Pmi di giugno e il gas torna a scattare sull'allarme tedesco sulla scarsita' delle forniture russe. Al giro di boa Piazza Affari sale dello 0,55% ed e' la migliore insieme a Parigi (+0,4%), sopra la parita' Amsterdam e Madrid mentre resta sottotono Francoforte (-0,4%) complice il rosso di Deutsche Bank (-4%).

Attesa per il discorso del presidente della Fed Powell alla Camera Usa.

A Milano spicca in negativo il nuovo tonfo di Saipem (-8,4%) dovuto all'aumento di capitale fortemente diluitivo da 2,5 miliardi che partira' la prossima settimana. Deboli i bancari con Bper (-2,5%) e Unicredit (-1,4%) piu' penalizzate. Il listino e' guidato da Amplifon (+4,8%) e dalle societa' delle reti energetiche (+2,9% Terna e Italgas). Bene anche Tim (+2,5%) inizialmente in rosso: a sorpresa l'offerta migliore per il cloud nazionale e' stata quella di Fastweb-Aruba ma il consorzio Tim-Cdp-Sogei-Leonardo puo' pareggiare la proposta concorrente aggiudicandosi la gara.

Fuori dal Ftse Mib, poco mossa Mps dopo il piano al 2026 e la conferma dell'aumento di capitale da 2,5 miliardi di euro.

Sul mercato valutario, l'euro e' sceso anche sotto 1,05 dollari, prima di tornare a 1,0505. Gli indici Pmi hanno evidenziato una attivita' manifatturiera dell'area euro scesa ai minimi da quasi 2 anni e quella dei servizi in rallentamento con valori minimi da cinque mesi. Nel Bollettino mensile la Bce, che oggi ha in calendario la riunione del Consiglio generale, ha stimato una crescita modesta dell'economia nel secondo trimestre e un recupero nella seconda parte dell'anno.

Allungo del prezzo del gas naturale europeo a 135,8 euro al megawattora (+6,7%) dopo che la Germania ha attivato il "livello di allerta" sulle forniture di gas, che avvicina il Paese alle misure di razionamento, dopo il drastico calo delle consegne da parte di Mosca attraverso il gasdotto Nord Stream. Petrolio in calo meno evidente rispetto a questa mattina prima delle scorte settimanali di greggio degli Usa: il Brent agosto scende a 111,27 dollari al barile, il Wti agosto a 105,57 dollari al barile.

fon

(RADIOCOR) 23-06-22 13:16:13 (0369)NEWS,ENE 3 NNNN

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti