Radiocor

S&P: alza stime crescita Eurozona 2021 al 5,1% (da +4,4%), inflazione al 2,2%

Aumento prezzi transitorio, non modifica politica Bce (Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 23 set - S&P alza le stime di crescita dell'eurozona in considerazione di una ripresa dell'economia piu' forte del previsto dopo la rimozione fra marzo e aprile delle misure di restrizione nella maggior parte dei paesi. Le nuove stime della societa' di rating prevedono ora una crescita del pil dell'area euro pari al 5,1% nel 2021, in deciso rialzo rispetto al +4,4% atteso a giugno. Confermata invece per il 2022 la previsione e' di un'espansione al ritmo del 4,5%. "La forza della ripresa ha causato carenze di materiali e un aumento dei prezzi delle materie prime - si legge nel rapporto - portandoci a rivedere al rialzo la nostra previsione di inflazione per quest'anno al 2,2% dall'1,8%. Tuttavia, continuiamo a vedere l'inflazione decelerare al di sotto dell'obiettivo della Bce il prossimo anno sulla scia di pressioni salariali contenute e di un rallentamento della velocita' di crescita". Secondo S&P, l'aumento transitorio dell'inflazione non e' tale da indurre la Bce a inasprire la politica monetaria. "Se da un lato e' probabile che la Bce metta fine agli acquisti netti di attivita' nell'ambito del Pepp entro la fine di marzo 2022 - prosegue il rapporto - dall'altro prevediamo che aumentera' gli acquisti netti nell'ambito del suo tradizionale programma di Qe (l'App) e che possa anche ridefinirne le caratteristiche. Di conseguenza, non ci aspettiamo che la Bce metta fine agli acquisti netti di asset prima della fine del 2023 e quindi non si aspettano aumenti dei tassi fino alla fine del 2024".

Cop

(RADIOCOR) 23-09-21 13:56:52 (0428)EURO 3 NNNN

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti