Radiocor

Wall Street: future in calo (Dj -0,7%), tech giu' con crollo di Snap (-28,5%)

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - New York, 24 mag - I future indicano un'apertura in calo a Wall Street, dopo la positiva seduta di ieri. A pesare e' il settore tech: si registra un crollo del 28,5% del titolo di Snap, che ha avvertito che non raggiungera' i target prefissati per utili e ricavi nell'attuale trimestre; per tenere sotto controllo i costi, inoltre, rallentera' il processo di assunzione di nuovi dipendenti. Il crollo della piattaforma social si ripercuote sulle altre aziende del settore: Meta Platforms cede il 7%, Pinterest il 12,3%; male anche Alphabet (-3,7%), Amazon (-1,9%), Apple (-1,3%), Twitter (-3,4%) e Netflix (-1,8%). Cambiando settore, si segnala anche il crollo del titolo di Abercrombie & Fitch (-21%), dopo un'inattesa perdita trimestrale, su ricavi invece superiori alle attese.

A pesare, come per molte altre societa', e' l'aumento dei costi; Abercrombie ha poi tagliato l'outlook per l'anno fiscale 2022.

Il Dow Jones e' reduce da otto cali settimanali consecutivi, lo S&P 500 e il Nasdaq da sette. Al centro delle preoccupazioni restano la crescita economica e l'inflazione.

Secondo la direttrice generale del Fondo monetario internazionale, Kristalina Georgieva, "ora c'e' un rischio maggiore di recessione per alcuni Paesi, ma non prevediamo una recessione globale". La scorsa settimana, Georgieva aveva avvertito che "sta diventando piu' difficile per le banche centrali ridurre l'inflazione senza causare una recessione".

"I leader del G7 devono prepararsi per molteplici potenziali shock inflativi - le sue parole - i costi stanno aumentando per la guerra in Ucraina e per la politica zero-Covid della Cina". Gli investitori attendono i verbali, che saranno pubblicati domani, dell'ultima riunione della Fed: in quell'occasione, la Banca centrale ha alzato i tassi d'interesse di 50 punti base, un aumento che potrebbe essere ripetuto anche nelle prossime due riunioni, a giugno e luglio. Il presidente della Fed, Jerome Powell, ha detto che la Banca centrale statunitense "non esitera' a continuare ad alzare i tassi d'interesse, finche' l'inflazione non scendera'". Powell ha voluto rassicurare gli investitori, affermando che un 'soft landing', ovvero un atterraggio morbido, "e' possibile" per l'economia statunitense.

Da seguire, oggi, proprio un nuovo intervento di Powell, da cui gli investitori cercheranno di trarre indicazioni sulle mosse future della Banca centrale.

In questo momento, i future sul Dow Jones perdono 234 punti (-0,73%), quelli sullo S&P 500 cedono 47 punti (-1,18%), quelli sul Nasdaq sono in ribasso di 214,75 punti (-1,78%).

Il petrolio Wti al Nymex sale dello 0,15% a 110,45 dollari al barile.

AAA-Pca

(RADIOCOR) 24-05-22 14:27:26 (0382) 3 NNNN

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti