Radiocor

Borsa: a meta' seduta rimbalzo appeso a un filo, Milano +0,3% grazie all'oil

Pesano ancora Fed e Ucraina. Future di Wall Street negativi (Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, - A meta' seduta tiene ancora il timido tentativo di rimbalzo delle Borse che si regge sui titoli dell'energia (+0,7% il Brent oltre 86 dollari), delle tlc e delle banche. Milano segna +0,3%, Francoforte +0,5% e Parigi +0,9% ma incombe l'apertura di Wall Street che dopo il maxi recupero di ieri nel finale vede ora i future negativi (Dox Jones -0,8%, Nasdaq -2%). Del resto, gli elementi che destabilizzano i mercati restano tutti sul tavolo: l'altissima tensione in Ucraina e l'attesa per le decisioni e l'orientamento della Fed, che saranno resi noti domani sera.

A Piazza Affari tornano sugli scudi i petroliferi con Eni e Tenaris che recuperano oltre il 2%, anche A2A (+2,1%) in vista della presentazione del piano di venerdi'; acquisti in generale sulle utility e sui big bancari mentre in coda al listino perdono oltre il 2% Nexi e Diasorin. Leonardo e' la peggiore (-5%) dell'Ftse Mib sui timori per il maxi contratto Eurofighter con il Kuwait, dove due alti ufficiali sarebbero sotto accusa per presunta corruzione. Sul resto del listino la Juventus balza del 5% con il mercato che scommette sull'acquisto gia' a gennaio dell'attaccante Dusan Vlahovic dalla Fiorentina.

Sul fronte dei cambi, l'euro vale 1,127 dollari (da 1,131 di ieri in chiusura) e 128,4 yen (da 128,84) mentre il dollaro/yen sale a 114.

che

(RADIOCOR) 25-01-22 13:03:39 (0343)NEWS 3 NNNN

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti