Radiocor

Borsa: Europa contrastata in attesa forum Bce, su Milano -0,9% pesa addio Del Vecchio

Saipem (azione piu' diritto) chiude in calo del 22,7% (Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 27 giu - Vigilia del Forum della Bce prudente per i listini del Vecchio Continente che, in attesa di avere nuove indicazioni dai banchieri centrali su tassi e inflazione, chiudono in ordine sparso la prima seduta della settimana. La peggiore e' la Borsa di Milano (-0,86% il Ftse Mib) in una giornata segnata dalla scomparsa di Leonardo Del Vecchio, la cui holding Delfin e' primo socio di Mediobanca e importante azionista di Generali, con le vendite che hanno colpito sia Piazzetta Cuccia (-2,2%) che il Leone di Trieste (-3%).

Mentre prende il via il Forum annuale della Banca centrale europea a Sintra, in Portogallo, 'che sara' un'occasione di confronto tra Lagarde, Powell e Bailey su come procedere per piegare l'inflazione evitando una recessione', come spiegano gli analisti, i leader del G7, riuniti in Baviera, hanno concordato di incrementare le sanzioni a carico della Russia a causa dell'invasione dell'Ucraina. E questo nelle stesse ore in cui Mosca nega che ci sia un default sul proprio debito, pur ammettendo che non e' riuscita a effettuare due pagamenti (previsti entro ieri). Ad incrementare la volatilita' dei mercati anche il ribilanciamento dei portafogli degli investitori in vista della scadenza del semestre (che per Wall Street potrebbe il peggiore dal lontano 1970).

A Milano, debole quasi tutto il comparto finanziario, da Unipol (-2,6%) a Banco Bpm (-2,7%). Si salva Intesa Sanpaolo (+0,6%) dopo il via libera al buyback da 1,7 miliardi.

Ennesimo tonfo per Saipem nel primo giorno dell'aumento di capitale da 2 miliardi: nonostante il titolo abbia infatti chiuso in rialzo del 43,9%, le opzioni hanno registrato un calo speculare del 26,4% con una performance complessiva dell'aggregato (cioe' azione piu' diritto) negativa per circa il 22,7% (visto che i diritti rappresentano la maggior parte della capitalizzazione della societa').

Sul mercato dei cambi, euro in rialzo a 1,0576 dollari (da 1,0552 di venerdi'), la moneta unica vale anche 143,01 yen (da 142,54), mentre il rapporto dollaro/yen e' a 135,21 (135,09). Sale anche il prezzo del gas naturale in Europa: il contratto consegna luglio sale del 1,5% a 130,4 euro per megawattora. Poco mosso, infine, il petrolio: il future agosto sul Wti guadagna lo 0,4% a 108,1 dollari al barile, mentre l'analogo contratto sul Brent sale a 113,7 dollari (+0,3 per cento).

Enr-

(RADIOCOR) 27-06-22 17:51:39 (0463)NEWS,ENE,PA,ASS 3 NNNN

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti