Radiocor

Fondi: raccolta ottobre riprende quota a +6,4 mld, masse vicine a record (RCO)

Azionari in testa davanti bilanciati. Via da bond e monetari (Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 29 nov - Il risparmio gestito ha ripreso quota in ottobre, dopo la pausa di settembre. Come emerge dalla mappa mensile di Assogestioni, la raccolta netta dell'industria e' stata positiva per un totale di +6,4 miliardi di euro, dopo +31 milioni a settembre, segnando il decimo mese consecutivo di saldo positivo, a un totale da inizio anno a +76,2 miliardi.

Nel 2020 il bilancio dei flussi in ottobre era stato pari a +3 miliardi, a complessivi +17,3 miliardi da gennaio.

Il mese scorso ha visto anche una robusta crescita delle masse che, grazie alla gestione e all'andamento dei mercati, hanno raggiunto 2.560,6 miliardi, a poca distanza dal record di 2.561,4 miliardi segnato in agosto, contro i 2.544 miliardi di settembre (2.334 mld nell'ottobre 2020). Il patrimonio delle gestioni collettive, in particolare, e' salito a 1.324 miliardi (51,7% del totale) da 1.310 miliardi (51,5%), con i fondi aperti in accelerazione al nuovo massimo storico di 1.249 miliardi (48,8%) da 1.235,5 miliardi (48,6%) a settembre. Meno vistosa l'evoluzione delle masse delle gestioni di portafoglio che segnano 1.236,4 miliardi (48,3%) da 1.234 miliardi (48,5%). In termini di raccolta, le gestioni collettive in ottobre registrano +3,4 miliardi, in netta risalita dai +773 milioni di settembre, a un totale che sfiora i 60 miliardi da inizio anno. I fondi aperti si distinguono con +2,73 miliardi di sottoscrizioni, dopo +357 milioni, a complessivi +55,5 miliardi da gennaio. I fondi chiusi segnano entrate nette per +673 milioni, dopo +416 milioni, a +4,5 miliardi nei dieci mesi. Ottobre e' stato favorevole anche per le gestioni di portafoglio, che si riportano in territorio positivo con un saldo di poco inferiore a +3 miliardi, dopo -741 milioni a settembre, a un totale di +16,2 miliardi da gennaio. I mandati istituzionali, in particolare, si risollevano dopo lo scivolone settembrino (-1,67 mld), registrando +1,76 miliardi e segnando cosi' +7 miliardi da inizio anno. Il segmento retail migliora a sua volta, portandosi a +1,2 miliardi da +928 milioni, a complessivi +9,2 miliardi nei dieci mesi. Tra i fondi, le preferenze dei risparmiatori si sono rivolte nuovamente agli azionari che registrano a ottobre una raccolta netta di +2,5 miliardi, dopo +1 miliardo a settembre (e quasi +28 miliardi da gennaio), vincendo cosi' il match con i bilanciati, che segnano +1,8 miliardi, dopo +2,3 miliardi (e +20,3 miliardi da inizio anno). Gli obbligazionari, per contro, accusano nuovamente deflussi (-203 milioni dopo -655 milioni) e il totale dei dieci mesi, pur positivo, scivola sotto la soglia di 9 miliardi. I flessibili restano in rosso nel saldo da inizio anno (-2,1 miliardi), ma in ottobre hanno raccolto +775 milioni, dopo -365 milioni. Il decimo mese dell'anno e' stato decisamente negativo, infine, per i fondi monetari, che accusano uscite nette pari a -2,2 miliardi, che si aggiungono ai -1,9 miliardi di settembre, con un saldo da inizio anno che resta positivo, ma si assottiglia a +604 milioni. Quanto alla denominazione, i fondi di diritto italiano hanno registrato in ottobre una raccolta netta di +695 milioni, dopo +147 milioni a settembre, a complessivi +3,6 miliardi da gennaio. I fondi di diritto estero balzano a +2 miliardi, da +209 milioni, portando le sottoscrizioni nei dieci mesi alla soglia dei +52 miliardi.

Gli-col

(RADIOCOR) 29-11-21 11:00:35 (0221)NEWS,ASS 3 NNNN

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti