Radiocor

Turchia: Erdogan, no a compromessi sui tassi nonostante crollo lira

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 29 nov - La Turchia non cambia la propria linea sui tassi di interesse nonostante il crollo drammatico del valore della sua valuta. E' quanto ha ribadito il presidente Recep Tayyip Erdogan parlando con la stampa sul volo di ritorno da un viaggio in Turkmenistan.

"Non ho mai difeso, non difendo e non difendero' mai un aumento dei tassi di riferimento - ha detto Erdogan - e non faro' alcun compromesso". La scorsa settimana la lira ha perso il 13% del suo valore in poche ore rispetto al dollaro dopo che la banca centrale, recependo i desiderata del presidente, ha nuovamente tagliato i tassi di interesse (terzo taglio in altrettanti mesi) portandoli dal 16% al 15% a fronte di un'inflazione per il mese di novembre che, quando sara' annunciata venerdi', dovrebbe superare la soglia del 20%. Contrariamente alla dottrina economica classica, Erdogan e' convinto che alzare i tassi di interesse determini un aumento dell'inflazione, di qui la sua determinazione a pilotare continui tagli al costo del denaro. Per la lira turca questo approccio si e' tradotto in un continuo deprezzamento che l'ha portata a perdere il 40% del suo valore rispetto al dollaro da inizio anno. In risposta al continuo aumento dei prezzi, Erdogan ha ordinato sabato l'apertura di un'indagine da parte dell'Ispettorato statale per manipolazione dei prezzi. Oggi un dollaro vale 12,73 lire turche, sostanzialmente stabile rispetto alla scorsa settimana, mentre per un euro occorrono 14,39 lire.

Cop

(RADIOCOR) 29-11-21 15:24:39 (0414) 3 NNNN

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti