Radiocor

Del Vecchio: il primogenito Claudio, la "fabbrica" lo illuminava anche negli ultimi giorni

Ai funerali presenti anche Sironi e Nagel (Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Padova, 30 giu - "Pochi giorni fa sono andato a trovarlo in ospedale e lui era spesso nervoso. Ma quando stavo per uscire mi ha chiesto dove sarei andato. Gli ho risposto che sarei andato a visitare la 'fabbrica' di Agordo, era cosi' che amava chiamarla. Dal suo letto allora si e' illuminato. Mi ha fatto un grande sorriso e ha detto: la fabbrica... e' cosi' bella adesso".

Con queste parole e con un ricordo che intreccia la vita della famiglia, la propria infanzia, e l'attivita' del padre, il primogenito di Leonardo Del Vecchio, Claudio, oggi presidente di Brooks Brothers, e' intervenuto alle esequie del patron di Luxottica in corso al Pala Luxottica di Agordo.

Una cerimonia affollata di operai e dirigenti ma anche di personalita' di primo piano come il presidente di Generali Andrea Sironi, il numero uno di Mediobanca, Alberto Nagel, Francesco Gaetano Caltagirone, il nuovo presidente di Essilux Francesco Milleri, il vice dg di Armani Giuseppe Marzocchi, Paolo Berlusconi con la famiglia, e tanti altri.

"Ricordo un giorno in cui mio padre era in produzione, mi aveva portato con se' - ha proseguito Claudio Del Vecchio. - Qualcosa non andava e gli si stavano ingrossando le vene sul collo come capitava sempre. Dalla produzione si e' alzata una donna, e gli ha detto: siamo felici di vederla cosi', quando non succede per un po' ci preoccupiamo. Lui ha riso e l'ha abbracciata. Ho capito allora che per lui la "fabbrica di Agordo" era una parte della famiglia e spesso per relazionarci con nostro padre dovevamo cercare di entrare nel suo mondo".

L'uomo che si era fatto da se' portava anche ai figli il lavoro della fabbrica, per condividere la propria vita quotidiana e per formarli al futuro.

"Ci portava a casa i componenti di alcuni occhiali, dovevamo e dovevamo fare la nostra parte - ha aggiunto nel suo ricordo Claudio Del Vecchio - per noi e per lui era un modo di stare in connessione. Un lavoro che facevamo di buon grado. I miei primi soldi li ho guadagnati confezionando scatole di occhiali, una lira a confezione, 25 centesimi a graffetta.

Anche grazie a queste esperienze posso ora sentirmi parte di quella famiglia che e' stata Luxottica per mio padre".

Col-ric

(RADIOCOR) 30-06-22 12:23:01 (0320) 3 NNNN

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti